Giornata del Fratino: all’Oasi WWF Padule di Bolgheri


Siamo nel pieno dell’inverno ma molte specie di uccelli sento già aria di primavera e l’approssimarsi della nuova stagione riproduttiva. La spiaggia naturale dell’Oasi, uno dei lembi di arenile meglio conservati della costa toscana, colonizzata da numerose specie pioniere delle sabbie e ginepri coccoloni è l’habitat privilegiato di una specie di trampoliere molto raro ormai in Italia che verso la fine di febbraio e gli inizi di marzo inizierà la sua stagione riproduttiva deponendo le uova in impercettibili depressioni realizzate sulla sabbia.
Si tratta del FRATINO Charadrius alexandrinus, uno tra i più piccoli trampolieri nidificanti in Italia confinato per sue specifiche esigenze eco-etologiche alle coste sabbiose o sponde ghiaiose lungo il corso dei fiumi, dove inquinamento e disturbo non hanno raggiunto ancora livelli insopportabili.
Sempre in movimento lungo le linee di battigia disegnate dalle onde alla ricerca di cibo, il Fratino rappresenta il simbolo delle spiagge naturali ben conservate.
La spiaggia dell’Oasi di Bolgheri, uno dei pochi siti toscani dove la specie si riproduce con successo con qualche coppia, non è esente dall’effetto determinato dal deposito di rifiuti, restituiti dal mare dopo essere stati gettati incautamente o volontariamente dall’uomo nei fossi e nei fiumi ed arrivati al mare con le piene, oppure dalle navi in transito.
Per questo motivo, dopo il successo di partecipanti e risultati registrato nel febbraio 2007, domenica 10 febbraio, l’Oasi WWF Padule di Bolgheri, in collaborazione con la CITAI Tenuta San Guido e ASIU di Piombino, replica la “Giornata del Fratino”, aperta ai soci ed ai simpatizzanti WWF, con ritrovo alle ore 9,00 presso l’ingresso dell’Oasi WWF Padule di Bolgheri (Km. 269,400 S.P. 39 Vecchia Aurelia e superare sottopasso S.S.1 Variante Aurelia e sottopasso FF.SS.), dedicata alla pulizia della  “casa del Fratino”.
Per motivi organizzativi si richiede la conferma della propria partecipazione entro il 7.2.2008 contattando la direzione dell’Oasi:  cell. 338-8812368 e.mail: paolo@arcehir.org. Sarà una giornata all’insegna dello stare insieme e del “prendersi cura” di un luogo speciale.
Questo evento si colloca nell’ambito delle iniziative legate alla “Giornata Mondiale delle Zone Umide”, promossa ogni anno dal Segretariato RAMSAR che sovrintende al Sistema delle “Zone Umide di Importanza Internazionale”, di cui fa parte anche il Padule di Bolgheri.

Redazione Nove da Firenze