Inflazione: - 0,1% a dicembre
Diminuiscono i prezzi di alberghi e cellulari e sono invece più cari i biglietti per lo stadio e per gli aerei


Firenze, 04 Gennaio 2007- Anche nel mese di dicembre 2006 a Firenze l'inflazione prosegue il trend di diminuzione dei prezzi con un -0,1% rispetto a novembre, seppure in modo più contenuto sulla precedente rilevazione, quando la variazione congiunturale era stata del -0,4%. Ne consegue che la variazione tendenziale è stata del +1,6% la stessa registrata a novembre. In particolare, sono diminuiti i prezzi per strutture alberghiere e servizi alla ristorazione, comunicazioni e le utenze di acqua, energia e combustibili per le abitazioni. In controtendenza, i prezzi relativi ai settori dello spettacolo, cultura e sport. Questi sono i dati emersi dalle ultime rilevazioni svolte dal 1° al 21 dicembre su oltre 900 punti vendita (anche fuori dal territorio comunale) appartenenti sia alla grande che alla distribuzione tradizionale, per complessivi 11.600 prezzi degli oltre 900 prodotti compresi nel paniere. L'anticipazione dei risultati è stata presentata dall'assessore alla statistica Eugenio Giani e dall'ufficio comunale di statistica ed ora dovranno essere confermati dall'ISTAT. Nel capitolo dei servizi ricettivi e di ristorazione, la variazione di -0,7% è determinata dalla diminuzione dei prezzi delle camere di albergo (-3,7%) mentre costa di più andare al ristorante (+0,3%) o in pizzeria (+0,4%). La diminuzione dei prezzi nel capitolo delle abitazioni per acqua, energia elettrica e combustibili è dovuta alla diminuzione della Tariffa di Igiene Ambientale (-13,3%) registrata questo mese perché solo a dicembre sono stati resi disponilbili i dati necessari. È diminuito il prezzo del gasolio (-0,8%). Nel capitolo delle comunicazioni, in sensibile calo i prezzi dei cellulari (-5,1%). Stessa tendenza per l'abbigliamento (-0,3%) soprattutto per la biancheria da uomo (-1,2%), da donna (-2,6%) e per gli accessori (-7,2%). In aumento il prezzo degli stivali da donna (+2,2%) e del pullover da uomo (+1,0%). Complessivamente costa di più anche divertirsi: spettacolo e cultura fanno segnare un +0,6% soprattutto per l'aumento del prezzo del biglietto allo stadio di calcio (+50,0%), degli impianti sciistici (+9,2%) e dei pacchetti vacanza (+1,9%). In diminuzione il prezzo per il lettore dvd/dvx ( 3,9%) e per la videocamera (-2,2%). Regalare fiori costa +2,6%. Aumenti anche per i trasporti: aerei (+2,6%), marittimi (+0,8%) e automobili fino a 4 metri (+0,5%). Nel capitolo generi alimentari e bevande analcoliche non si registrano variazioni significative tranne che per il pesce fresco (+1,1%) ed i prodotti di cioccolato (+0,6). La variazione annuale passa da +2,5% di novembre a +2,3% di dicembre. I prodotti alimentari non lavorati (per esempio ortaggi, frutta, pesci e carne) registrano complessivamente un aumento rispetto a dicembre 2005 di +3,8% mentre i beni alimentari lavorati (tra cui pane, bevande, scatolame, formaggi) segnano una variazione di +1,3%. La variazione annuale del prezzo dei beni durevoli (tra cui elettrodomestici e automobili) è -0,7% mentre quella dei beni non durevoli (medicinali, saponi e detersivi) è di -2,2%. I beni semidurevoli (fra cui abbigliamento e libri) registrano un +0,8%. La prossima anticipazione dei prezzi sarà il 5 febbraio.

Redazione Nove da Firenze