Al comandante Amos Pampaloni il ‘Gonfalone d’Argento’ per la resistenza a Cefalonia


All’eroe di Cefalonia, Amos Pampaloni, già Medaglia d’argento al Valor Militare, verrà conferito il ‘Gonfalone d’argento’. La cerimonia si terrà domani, venerdì 25 luglio, alle ore 12.00, presso la ‘Sala Gonfalone’ del Consiglio regionale (Via Cavour 2 – Firenze). Assieme al ‘comandante’ Pampaloni interverranno: il presidente dell’Assemblea Riccardo Nencini, il giornalista Luigi Caroppo (che ha pubblicato il libro ‘Cefalonia, doppia strage’) ed il docente di Storia moderna e contemporanea dell’Università di Pisa Paolo Pezzino. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 Amos Pampaloni, come capitano del 33° reggimento della Divisione Acqui, fu il primo militare italiano a resistere contro l’offensiva tedesca sull’isola greca di Cefalonia. Infatti, per lui le truppe naziste non erano più nostre ‘alleate’ nella seconda guerra mondiale ed il 13 settembre 1943, all’avvistamento delle motozattere tedesche che trasportavano pezzi di artiglieria e soldati, dette l’ordine di aprire il fuoco per difendere la Divisione Aqui. Purtroppo la preponderanza di truppe naziste non permise ai valorosi militari italiani di tenere in mano l’isola di Cefalonia, pagando un prezzo altissimo di vite umane. Un atto di resistenza che dette sfogo a tutta la brutalità dei nazisti, i quali non esitarono a trucidare i militari italiani che si erano arresi o quelli feriti ricoverati in ospedale. Allo stesso Amos Pampaloni un ufficiale tedesco sparò alle spalle, colpendolo al collo. Si salvò perché si finse morto e venne poi soccorso da una famiglia greca.

Redazione Nove da Firenze