C’èra una volt@ (installazione) al Parco di Pinocchio di Collodi dal 23 marzo al 19 maggio


Mostra di Giampiero Poggiali Berlinghieri, a cura di Daniele Narducci e Isabella Belcari della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, in collaborazione con ArteStudio53.
Nello svolgimento letterario delle avventure di Pinocchio esistono due piani distinti per il soggetto principale: uno è “quello che uno può essere” e l’altro è “quello che uno potrebbe essere”, e non ciò che è, ciò che appare e ciò che desidera, come accade per l’uomo che è animale sociale. Questo burattino non è un personaggio, non è un soggetto, è un oggetto, un corpo opaco su cui tutti, di volta in volta nella storia e non, proiettano i loro desideri e sensazioni di appagamento.
Le modalità di questi piani sono presenti anche per gli “oggetti rappresentativi” di Poggiali. I suoi quadri sono orizzonti in cui forme primordiali si animano e guizzano eccitate pur nella sospensione dei gesti. Questi sono il nostro burattino, il nostro schermo su cui proiettare sogni e vedere oscure metamorfosi. Sono antropomorfizzazioni, è l’inaspettato nel tutto.
Informazioni: tel. 0572. 429613 fax 0572. 429614 e.mail fondazione@pinocchio.it

Redazione Nove da Firenze