Firenze: una strada dedicata a "Orso", il partigiano di Rifredi morto combattendo contro l'Isis

La V Commissione ha approvato a maggioranza la mozione presentata da Bundu e Palagi (Sinistra Progetto Comune) per intitolare un luogo toponomastico a Lorenzo Orsetti. "Gesto importante che siamo certi troverà il giusto sostegno anche in Consiglio Comunale"


Firenze avrà, con ogni probabilità, una strada intitolata a Lorenzo Orsetti, il fiorentino morto il 18 marzo 2019 combattendo al fianco dei curdi contro l'Isis a Baghuz, in Siria. Lo annunciano con gioia i consiglieri comunale di SPC Antonella Bundu e Dmitrj Palagi, che hanno visto la loro mozione approvata a maggioranza: “Oggi - scrivono - la V Commissione (Cultura e sport) ha approvato a maggioranza la nostra mozione per intitolare un luogo toponomastico a Lorenzo Orsetti. Si tratta di una proposta nata nel confronto attento con la famiglia del 'partigiano di Rifredi'. Un gesto importante che siamo certi troverà il giusto sostegno anche in Consiglio Comunale, per fare in modo che il ricordo di Lorenzo sia un esempio capace di ispirare speranza e impegno per la libertà. Ci spiace per il voto contrario della Lega e per l'astensione di Fratelli d'Italia, perché – concludono i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Antonella Bundu e Dmitrij Palagi – riteniamo che il contrasto al terrorismo islamico e il richiamo alla Resistenza debbano essere trasversali a tutte le forze politiche. Non vogliamo però assolutamente alimentare inutili polemiche, oscurando l'importanza dell'atto e ci limitiamo a proporre il testo approvato questa mattina”. 

Questo il testo completo della Mozione N° 687/19

Proponenti: Antonella Bundu, Dmitrij Palagi

Oggetto: Intitolazione di un luogo toponomastico a Lorenzo Orsetti

IL CONSIGLIO COMUNALE

PREMESSA la rilevanza della minaccia del sedicente ISIS, nome dietro cui agisce un movimento terrorista pericoloso anche per il continente europeo;

CONSIDERATO il movimento internazionale nato come resistenza all’avanzata dell’ISIS, connotato da una ricerca di maggiore giustizia globale e di nuovi modelli di sviluppo sostenibili per l’umanità e l’ambiente;

CONSIDERATA la scelta di Lorenzo Orsetti, di recarsi in prima persona sul fronte militare di lotta all’ISIS, per combattere al fianco delle milizie curde per la libertà, l’emancipazione delle donne, la pace e la solidarietà;

PRESO ATTO del forte legame nato tra la storia antifascista italiana e la scelta di Lorenzo Orsetti, testimoniata dalla tessera onoraria riconosciuta dall’ANPI e dai riconoscimenti di altre Associazioni Combattentistiche e Partigiane;

CONSIDERATO che Lorenzo Orsetti, detto anche Orso e Tekoser, è morto combattendo nella battaglia di Bahoux il 18 marzo 2019, contro lo Stato Islamico, all’età di 33 anni, dopo aver partecipato ad altri scontri, tra cui quelli di Kobane e Raqqa, assieme alle Unità di protezione del popolo curdo (YPG);

CONSIDERATA la centralità della zona di Rifredi nel ricordo della figura di Lorenzo Orsetti, ricordata anche dall’artista ZeroCalcare;

CONSIDERATO come la Regione Toscana abbia già riconosciuto a Lorenzo Orsetti il Gonfalone d’argento per “l’impegno per la giustizia, l’eguaglianza e la libertà, a fianco del popolo curdo che in questi anni è stato il principale argine al terrorismo e al fanatismo dell’ISIS”;

CONSIDERATO come nel III Municipio di Roma si sia intitolata un’area verde a Lorenzo Orsetti, con la dicitura sottostante di “Partigiano”;

CONSIDERATA la sepoltura di Lorenzo Orsetti a San Miniato a Firenze, al fianco di altri partigiani;

CONSIDERATO come Lorenzo Orsetti sia a tutti gli effetti un ‘partigiano morto per nostra libertà’;

TENUTO CONTO di come la memoria di Lorenzo Orsetti sia un patrimonio e un dovere civico di tutte le forze politiche senza distinzione di colore o di provenienza;

CONSIDERATO il regolamento per la toponomastica, le iscrizioni commemorative e la numerazione civica, al cui articolo 5 si evidenziano tra i criteri per la denominazione di aree di circolazione e di luoghi il ‘legame alla città’ o una rilevanza internazionale ‘indicativa dell’interesse della comunità fiorentina’;

CONSIDERATO come la legge preveda la possibilità di intitolazioni per persone decedute da meno di dieci anni in casi di azioni benemerite ed eccezionali;

INVITA IL SINDACO, IL PREFETTO, LA GIUNTA E LE EVENTUALI ALTRE ISTITUZIONI

AD ATTIVARSI PER INDIVIDUARE un luogo toponomastico nel quartiere di Rifredi da intitolare a Lorenzo Orsetti, adottando in seguito i provvedimenti deliberativi necessari e con la dicitura sottostante di “Partigiano”.

La consigliera comunale

Antonella Bundu

Il consigliere comunale

Dmitrij Palagi

Redazione Nove da Firenze