Viabilità in Toscana: affidati i lavori della rampa di accesso al ponte a Signa

SS1: lavori su un nuovo tratto tra Scarlino e Venturina per un valore di 5 milioni di euro. SS12rad: interventi del valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro. Interrogazione in Consiglio regionale di Stella e Bojola (Forza Italia): "Ripristinare viabilità su SS 64 a Pavana, interrotta da oltre un anno e mezzo"


Firenze, 22 ottobre 2020- Sono stati affidati i lavori del 1° lotto del progetto di variante alla via Livornese che riguardano l’eliminazione dell'intersezione semaforica sulla ex 67 nella zona di Ponte a Signa, mediante l'inserimento di una rotatoria e la realizzazione di una rampa per l’accesso diretto al ponte sull'Arno da via di Sotto. L’obiettivo dell’intervento è quello di migliorare la funzionalità dell’intersezione a Ponte a Signa tra via Livornese, via di Sotto e il ponte sull’Arno e fluidificare il traffico in entrambe le direzioni. L’intervento fa parte del più ampio di progetto di adeguamento della viabilità comunale, comprendente un ulteriore lotto di intervento, con lo scopo di creare una rete viaria alternativa alla Livornese dall’uscita della Fi-Pi-Li fino a Ponte a Signa. Per quanto riguarda il costo del 1° lotto è pari a 1.300.000 euro di cui 120.000 da fondi regionali e per le restanti risorse: circa l’80 % da fondi FSC e il 20% da risorse comunali. L’apertura del cantiere è prevista per fine novembre. Nel dettaglio il progetto prevede una rotonda, che oltre a facilitare lo scorrimento del traffico veicolare dovrebbe ridurre il rischio di incidente stradale tipico delle intersezioni a raso, che avrà una larghezza della corona giratoria di 8 metri e un’isola centrale sormontabile di 5 metri di raggio. Sarà modificato il senso circolatorio della viabilità adiacente alla rotatoria con l’introduzione di un senso unico di marcia in uscita verso via XXV Aprile e l'inversione del senso unico in corrispondenza di via G. Puccini. La rotatoria recupererà uno spazio pedonale fruibile su piazza Ferroni grazie all’allargamento dei marciapiedi sulla piazza lato Montelupo, attualmente adibito a sosta in prossimità dell’incrocio. In via De Amicis verranno riqualificati tutti i percorsi pedonali esistenti attraverso l’integrazione delle pavimentazioni attuali e la ridefinizione degli stalli di sosta con posti in linea con l'asse stradale della via. Per quanto riguarda la rampa si tratterà di realizzare un’asse di derivazione stradale che correrà parallelamente alla viabilità esistente per poi immettersi in maniera quasi perpendicolare nella soprastante strada. La nuova strada comprenderà anche una pista ciclabile che si snoderà parallelamente all’unico marciapiede previsto lato Arno. In particolare la rampa sarà realizzata sfruttando una struttura di sostegno a telaio, in parte in cemento armato gettato in opera (pilastri) e in parte utilizzando un impalcato in precompresso (travi porta solaio e soletta). Al di sotto della stessa verrà ricavata una superficie utile da destinare ad un parcheggio che avrà capienza di 30 posti auto.

“Siamo giunti ad una tappa fondamentale del progetto di viabilità alternativa alla Livornese – ha spiegato il sindaco Angela Bagni- che migliorerà lo scorrimento del traffico sulla nostra arteria stradale principale. Dopo un grande lavoro sia di progettazione che un lungo e complesso iter di gara finalmente, tra un po' più di un mese, daremo il via a quella che sarà una vera e propria rivoluzione per la nostra viabilità interna”.

Prosegue l’opera di risanamento profondo della pavimentazione sulla strada statale 1 “Via Aurelia” in Toscana, avviata da Anas (Gruppo FS italiane) al fine di migliorare le condizioni di sicurezza e il livello di servizio dell’infrastruttura. A partire da lunedì 26 ottobre sarà interessato un nuovo tratto tra gli svincoli di Scarlino (GR) e Venturina (LI), per un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro. Gli interventi riguarderanno tratti saltuari in entrambe le carreggiate e consistono, in particolare, nella totale rimozione della vecchia pavimentazione, nel rifacimento della fondazione stradale e nella realizzazione di un nuovo piano viabile con asfalto drenante. La prima fase riguarderà il tratto compreso tra il km dal 221,800 e il km 226,000. Per consentire l’esecuzione dei lavori, il transito sarà regolato a doppio senso di marcia sulla carreggiata libera, mentre sarà temporaneamente chiuso lo svincolo di Follonica Est in ingresso e in uscita per chi viaggia in direzione Livorno. Il completamento di questa fase è previsto entro fine novembre, mentre l’ultimazione dell’intero intervento è prevista per fine dicembre, salvo condizioni meteo sfavorevoli.

Al contempo proseguono anche gli analoghi lavori in corso tra Montepescali e Gavorrano (dal km 196,350 al km 207,790). In corrispondenza del cantiere il transito è regolato a doppio senso di marcia in carreggiata opposta. Il completamento è previsto entro metà novembre.

A partire da lunedì prossimo, 26 ottobre, Anas (Gruppo FS Italiane) eseguirà i lavori di manutenzione programmata per l’ammodernamento degli impianti tecnologici e di sicurezza della galleria “Monti Pisani”, sulla strada statale 12radd “dell’Abetone e del Brennero” (km 2,200) tra San Giuliano Terme (PI) e la Santa Maria del Giudice (Lucca). I lavori, del valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro, prevedono in particolare: il rifacimento dell’impianto elettrico, la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione con tecnologia LED, l’installazione di segnaletica luminosa utile in caso di emergenza, l’installazione di pannelli a messaggio variabile per fornire indicazioni in tempo reale agli automobilisti, la realizzazione di un impianto antincendio con rilevamento automatico, impianto di videosorveglianza e altri interventi per innalzare gli standard di sicurezza della circolazione all’interno del tunnel, lungo 950 metri. Al fine di contenere i disagi al traffico, le lavorazioni che richiedono la chiusura della galleria saranno eseguite esclusivamente in orario notturno. Nel dettaglio, la chiusura sarà in vigore da lunedì 26 ottobre dalle 21:00 alle 6:00 del giorno successivo, ad esclusione della domenica. Il completamento dei lavori è previsto ad aprile 2021. Il cantiere sarà rimosso nel periodo delle festività natalizie a partire dal 23 dicembre. Il traffico sarà deviato sulla viabilità alternativa con indicazioni sul posto. In particolare sarà possibile utilizzare la SS12 da San Giuliano Terme a Lucca e viceversa nonché l'autostrada A11 da Pisa verso Lucca e viceversa.

Ripristinare il transito veicolare sulla SS 64 in località Pavana (Pistoia), interrotta da oltre un anno e mezzo. E' quanto chiede il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella, che ha presentato un'interrogazione a risposta orale sulla vicenda. "Nel febbraio 2019 - ricorda Stella insieme al capogruppo di Forza Italia al Comune di Pistoia, Jacopo Bojola - a seguito di avverse condizioni atmosferiche, la SS 64 è stata interrotta in entrambi i sensi di marcia al KM 30, in località Pavana, nel Comune di Sambuca Pistoiese. Si tratta dell'unico collegamento viario alternativo all'A1 per valicare l'Appennino tra Firenze e Bologna, ed è molto utilizzato da veicoli commerciali oltre che dai residenti in quel territorio". "Dopo molti appelli - proseguono i due esponenti azzurri - l'Anas è intervenuta e ha ripristinato la viabilità a senso unico alternato, ma da tempo il cantiere è abbandonato. Questo evento sta provocando gravi ripercussioni negative sull'economia locale, e anche sui collegamenti viari di media e lunga percorrenza tra Emilia Romagna e Toscana". Per queste ragioni Forza Italia interroga la Giunta regionale per sapere "quali siano i tempi per il ripristino regolare del transito veicolare della SS 64 in località Pavana, tra Ponte alla Venturina e Taviano; il dettaglio dell'ammontare complessivo delle risorse stanziate per la riapertura alla viabilità dell'arteria in questione; a chi è stata affidata la progettazione" e "quali sono gli interventi immediati sulla rete viaria alternativa in gestione al Comune e ala Provincia, soprattutto in seguito agli eventi franosi che si sono succeduti".

Redazione Nove da Firenze