Via Palazzuolo, cresce la rabbia dei residenti

Troppi brutti episodi negli ultimi tempi, tra risse, degrado e spaccio. Stella (Fi): "Dov'è il presidio fisso promesso da Nardella?". Asciuti (Lega): "I cittadini a questo punto sono disperati"


Firenze, 24 luglio 2020 - "Risse, pestaggi, scontri tra bande di spacciatori per il controllo del territorio. Aggressioni a passanti, addirittura a un taxi come l'altro giorno. Tutto questo dovrebbe far capire al sindaco Nardella che non ha più scuse: passi all'azione e liberi via Palazzuolo dal degrado di cui è vittima da troppi anni. Purtroppo, le promesse fatte dal primo cittadino, anche nel caso di via Palazzuolo, sono rimaste lettera morta. Dov'è il presidio fisso di forze dell'ordine annunciato dal sindaco lo scorso anno?". Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia), che stamane ha incontrato i residenti della strada e del rione, sempre più esasperati.

"Già nel 2015 - ricorda Stella - in Consiglio di Quartiere 1 erano state approvate due mozioni presentate da Forza Italia, che invitavano Palazzo Vecchio ad affrontare le emergenze in via Palazzuolo e piazza Indipendenza assediate dal degrado e da episodi sempre più diffusi di degrado e violenza. Eppure, il clima in via Palazzuolo è rimasto lo stesso. Qui la fanno da padroni gli spacciatori e la criminalità. I residenti e i negozianti sono disperati, non solo per la situazione in sé, ma perché si sentono abbandonati e lasciati soli dalle istituzioni. Qualcuno dovrebbe spiegarci per quale motivo i vigili di quartiere (queste figure professionali promesse da Nardella in campagna elettorale) non siano a presidiare le aree cittadine più a rischio, e a far rispettare la legalità".

“I cittadini di via Palazzuolo (Comitato Palomar) sono ormai disperati, perché ormai da anni si va avanti con risse, spaccio, rapine, alimentando il degrado, il tutto ad opera di immigrati di cui molti sono clandestini; noi come consiglieri comunali l'anno scorso avevamo presentato un pacchetto sicurezza per Firenze, ma l'amministrazione comunale aveva respinto il tutto. In qualità di consigliere comunale e residente nella predetta zona, ora credo che il tempo sia scaduto”. Dichiara invece il consigliere comunale della Lega Salvini premier di Firenze, Andrea Asciuti.

“La situazione di degrado in cui versa la città di Firenze, sta portando all'esasperazione i fiorentini onesti. Per troppi anni si è avuto un atteggiamento buonista ed eccessivamente tollerante e questi sono i risultati. Dobbiamo portare avanti, invece, una politica di tolleranza zero verso l'illegalità ed il degrado, riconsegnando la città ai cittadini onesti” dichiarano congiuntamente i consiglieri metropolitani leghisti del gruppo centro-destra per il cambiamento Alessandro Scipioni e Filippo La Grassa. 

Redazione Nove da Firenze