Ufficiale: Saccardi (Italia Viva) vicepresidente della Giunta regionale

Il presidente Giani ha indicato l’ultimo nome della squadra di governo annunciando che “domani saranno assegnate le deleghe agli assessori”. Gli interventi di Marco Casucci (Lega), Anna Paris (Pd), Diego Petrucci (FdI), Elisa Tozzi (Lega) e Stefano Scaramelli (Italia Viva)


Firenze Sarà Stefania Saccardi (Italia Viva) la vicepresidente della Giunta regionale. Lo ha annunciato, in apertura del dibattito e del voto sul programma di governo, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. Il nome della Saccardi è dunque l’ottavo tassello che porta a compimento la composizione della squadra di governo della regione, per la quale Giani aveva già indicato i nomi di Alessandra Nardini, Stefano Baccelli, Simone Bezzini, Leonardo Marras, Stefano Ciuoffo, Monia Monni e Serena Spinelli. “Domani – ha concluso Giani – con l’insediamento della Giunta assegnerò le deleghe agli assessori”.

“Vista la gravità della situazione sanitaria e socio economica e consapevoli che le istituzioni hanno un ruolo decisivo per affrontare l’emergenza, la Regione e il Consiglio devono dimostrare responsabilità e non perdere tempo, come si è fatto in aula oggi e la volta scorsa”. Così ha esordito Marco Casucci (Lega), che ha sottolineato: “Il tempo è prezioso e va dedicato a trovare risorse per dare risposte”. A Giani, Casucci ha chiesto un continuo coinvolgimento del Consiglio regionale: “Ci informi, ci ascolti e coinvolga tutti nella battaglia per sconfiggere la pandemia”. Secondo Casucci, con il crescere della crisi e dello spettro della disoccupazione, si devono fare scelte dirimenti, razionalizzare la spesa pubblica e aumentare gli investimenti. “Siamo convinti sul regionalismo e l’autonomia differenziata e noi contribuiremo con i nostri argomenti – ha aggiunto, - ma siamo convinti che per realizzarli una legge ordinaria sarebbe inutile. E bisogna sapere che il regionalismo incide se ci sono risorse. Su questo fronte bisogna muoverci, trovando risorse e spendendo in tempi celeri”.

Anna Paris (Pd) ha espresso apprezzamento per il programma di governo presentato in aula e ha invitato Giani a “non dimenticare il suo obiettivo di fondo, vale a dire quello di valorizzare la Toscana diffusa, perché questa è una regione formata da tante aree diverse tra loro. Serve quindi portare servizi ai centri minori, altrimenti sostenibilità e resilienza saranno impossibili”. La consigliera ha valutato positivamente anche i passaggi sul ruolo legislativo e amministrativo della Regione, “perché solo così si è vicino ai territori e si è capaci di amministrare progetti, compresi quelli che saranno resi possibili grazie al Recovery plan”. “Come donna ho apprezzato anche – ha aggiunto - di rendere gli asili nido gratuiti per certe fasce reddito. E non si scordi mai di valorizzare le donne”. Infine, ha dichiarato che “servono investimenti maggiori, per creare ricchezza e sviluppo, a partire dalle infrastrutture. Penso al raddoppio ferroviario della Siena-Poggibonsi, perché a parità di distanza, Siena è l’unica città da cui non si riesce ad arrivare a Firenze in un’ora. E penso al settore del termalismo, che rappresenta una ricchezza per molti territori”.

“Non saranno settimane e mesi semplici e noi dobbiamo fare il nostro lavoro: il nostro gruppo farà opposizione dura, ma non farà mancare la partecipazione a sostenere l’azione di governo per fronteggiare la fase drammatica che viviamo”. Lo ha annunciato Diego Petrucci (FdI), sottolineando con forza “di essere arrabbiato, perché dopo oltre trenta giorni la Toscana non ha l’assessore alla sanità”. Ha spiegato di “non essere scandalizzato per qualche ora in più necessaria alla nomina della giunta”, ma in questa fase di emergenza sanitaria ha giudicato “irresponsabile” non aver nominato, “un minuto dopo le elezioni”, l’assessore alla sanità. Perciò ha invitato a farlo “alla svelta” e ha caldeggiato un ritorno “indietro rispetto al modello di Sanità centralistico che ha svuotato di presidi sanitari le periferie della Toscana”. Ha chiesto, infine, di “rafforzare la struttura sanitaria con personale amministrativo, per rendere più efficaciente il rapporto tra il tracciamento del contagio e la scoperta del positivo”.

“Ho l’onore e l’onere di rappresentare la Lega di Firenze in Consiglio regionale, rappresentando un territorio con grandi criticità e che attende molte risposte, vista la crisi socio economica in cui si dibatte”, ha detto Elisa Tozzi (Lega). Per fronteggiare la crisi drammatica causata dalla pandemia, la consigliera ha auspicato che siano date risposte e si mettano in campo fatti. “Servono – ha spiegato – una sanità pubblica e di prossimità, tasse eque e adeguati servizi pubblici, una gestione dei rifiuti razionale e ragionevole, garantire sicurezze ai lavoratori pubblici e privati e aiuti alle, mettendo in campo proposte concrete e risposte tempestive”.

“La sfida immediata con cui dobbiamo confrontarci è quella contro il Covid e non quella tra maggioranza e opposizione”, ha esordito Stefano Scaramelli (Italia Viva), che ha voluto ringraziare i medici e il personale sanitario e del volontariato ancora impegnati nella lotta contro la pandemia, e l’ex governatore Rossi e l’ex assessore alla Sanità, Stefania Saccardi, per il lavoro svolto nella scorso legislatura. Per Scaramelli la sfida che la Regione deve assumersi in questa emergenza è quella di dare “sostegno alla ricerca farmacologica. Se c’è un euro da spendere, dobbiamo spenderlo lì”; e ha affermato che “la riforma del sistema sanitario compiuta nella scorsa legislatura è stata una svolta epocale e non si deve tornare indietro, perché nell’emergenza quel sistema ha dimostrato di funzionare bene”. Rispetto alla crisi economica, ha esortato la giunta “a trovare nuove risorse da investire, anche facendo la scelta coraggiosa di rimodulare i fondi comunitari, perché nel mondo del lavoro e dell’impresa non si deve lasciare mai indietro nessuno”. Augurandosi che “sia portato a conclusione l’ampliamento dell’aeroporto di Firenze e si sblocchino i cantieri della Grosseto – Siena, della Siena – Firenze e della Tirrenica, affinché la Toscana diventi una regione moderna e europea” , Scaramelli, inoltre, ha auspicato che siano date “pari opportunità a tutti i cittadini, dando quindi opportunità alle periferie”, e ha invitato la Giunta e il Consiglio a mantenere grande vicinanza istituzionale ai territori. Infine, ha invitato a tenere sempre al centro dell’azione di governo, la formazione, la scuola,il lavoro e la cultura; a non dimenticare di “essere accoglienti e non discriminare mai nessuno, sempre e comunque”; e a valorizzare il settore del turismo. Tutti impegni per i quali, ha concluso, “noi saremo in prima fila per le battaglie europee, a partire dalla richiesta dei fondi del Mes, per poter contare su più risorse possibili”.

Redazione Nove da Firenze