Turismo: gli albergatori italiani si incontrano a Firenze nel primo Hotel Camp

Un format rivoluzionario che mette al centro le tematiche degli addetti ai lavori. E il 23 ottobre l'edizione numero 11 di Buy Tuscany 2019


A Firenze il 17 ottobre arriva il primo ‘Hotel Camp italiano’, evento per albergatori italiani e operatori del settore hospitality che si presenta con un format innovativo. Hotel Camp nasce negli Stati Uniti, approda nell’Europa del Nord e ora sbarca in Italia e precisamente nel capoluogo toscano, all’Hotel Mirage. L’evento è organizzato da Myhotelshop insieme a Mario Romanelli (TravelAppeal), Vito D’Amico (MyForecast), Armando Travaglini (Digital Marketing Turistico), Gianluca Laterza (Tripadvisor), Enzo Aita, HotelKit e OTAinsight.

“La novità di HotelCamp è un incontro in cui è possibile scambiare idee tra hotel manager, albergatori, esperti del settore hospitality e del settore della tecnologia alberghiera. E il format è rivoluzionario: ogni partecipante propone un argomento e tutti i presenti voteranno i preferiti. I temi più gettonati verranno esposti pubblicamente da ogni professionista. In questa modalità democratica verranno esposte le tematiche più interessanti per gli addetti ai lavori nel settore alberghiero. La giornata, divisa in diverse sezioni e per diversi argomenti, consentirà ai partecipanti la massima interazione con gli altri, al fine di scambiare idee, spunti o opportunità di business”, ha detto Leonardo Pinzone, country manager di Myhotelshop.

Le principali tematiche trattate riguardano le nuove tecnologie, l’innovazione, le reti sociali, le tecniche di vendita diretta, cosi come le opinioni e le idee degli esperti del settore. Le sessioni e i relativi relatori vengono eletti il giorno stesso dai partecipanti e coordinati dagli organizzatori di HotelCamp Firenze. Fra le tematiche centrali affrontate: di che cosa ha bisogno un hotel per impostare una strategia di vendita online mirata ed efficace; quali sono i rischi se non viene rispettata la parità tariffaria; quali sono i rischi se non viene rispettata la parità tariffaria; qual è il miglior modo per disintermediare dalle OTA; come posso sapere se il mio sito web è sufficientemente aggiornato e funzionale per i miei clienti target; di quali strumenti ho veramente bisogno per poter ottimizzare il mio sito web.

Regione Toscana e Toscana Promozione Turistica uniti per promuovere la destinazione attraverso il Buy Tuscany, che quest'anno farà incontrare 115 operatori toscani e 138 buyer, in rappresentanza dei più importanti Tour Operator, provenienti da circa 30 paesi europei ed extra europei, e Tour Operator nazionali o rappresentanti italiani di Tour Operator internazionali. Appuntamento il prossimo 23 ottobre a Firenze, presso il St. Regis Florence. Dopo il successo del 2018 (oltre 4.600 meeting, 320 partecipanti e un rate del 91,5% di soddisfazione), il workshop replicherà la formula vincente delle più recenti edizioni.

"Si rinnova - afferma l'assessore regionale alle attività produttive e turismo Stefano Ciuoffo - un appuntamento molto utile per gli addetti del settore in Toscana per le opportunità di business che offre. Dopo 11 edizioni stiamo sempre più cercando di far conoscere ai tour operator la Toscana in base ai vari segmenti di interesse che rappresentano. Si specializza l'offerta per andare a intercettare le specifiche motivazioni di viaggio dei turisti. Il prossimo anno con l'edizione itinerante del Buy Tuscany faremo un meritato focus sul settore termale: la Toscana è la regione con il maggior numero di terme in Italia e il nostro impegno, dopo 4 edizioni mirate sulla costa, si concentrerà su rilancio e valorizzazione di un settore altamente caratterizzante questa regione".

Tre le macro-aree suddivise per prodotto turistico e corrispondenti alle tipologie d'offerta: Leisure - Art Cities&Towns, Country&Flavours (agriturismo, turismo wine&food), Relax&Wellness, Sun&Sea, Active&Outdoor (terme e benessere, balneare, golf, trekking, biking, Francigena, turismo natura, attività nei parchi/aree protette, sci, ecc.), Luxury & Wine Resort – riservata a hotel 5 stelle, residenze d'epoca/castelli/dimore storiche, società di servizi a supporto del segmento lusso- aziende vinicole dotate di strutture ricettive 5 e 4 stelle superiore - e, infine, Wedding - società di servizi a supporto del segmento wedding. A seguito della sessione di lavoro a Firenze sono previsti i consueti post tour per 12 diverse tematiche, distribuiti su tutto il territorio regionale. In programma anche un press tour. Il Buy Tuscany autunnale offre anche l'occasione per rilanciare il momento ‘on the road', interessato da importanti cambiamenti: approfondita la Costa Toscana, attraverso le precedenti edizioni organizzate in Maremma, Isola d'Elba, Versilia e Costa degli Etruschi, quest'anno il Buy Tuscany on the Road, previsto a marzo 2020, verrà dedicato al Sistema Termale Toscano, e all'indotto collegato, con una due giorni tra Saturnia e Chianciano Terme. Il settore termale, sia curativo che benessere, è uno dei prodotti turistici toscani maggiormente apprezzati dal turismo internazionale, nazionale e locale. In Toscana si trovano 32 stabilimenti termali tra pubblici e privati di cui la maggior parte offre servizi di target medio alto e/o lusso. I post tour organizzati per i buyer partecipanti, toccheranno tutte le località termali toscane che hanno aderito al progetto.

"Il Buy Tuscany – dichiara Francesco Palumbo direttore di Toscana Promozione Turistica - rappresenta pienamente la mission dell'agenzia: la promo commercializzazione della offerta turistica regionale, al fianco degli operatori turistici, nel contesto di un lavoro tecnico sulla domanda. La Toscana ha la possibilità e l'ambizione di crescere ancora, non tanto e non solo in numeri quanto in redditività e benefici del turismo per la filiera ed i territori: con il Buy Tuscany puntiamo su prodotti che promettono margini di crescita e di sviluppo allargato".

Redazione Nove da Firenze