Mobilità, Giani: "Nuova Darsena Livorno graverà sulla Fi Pi Li, dobbiamo potenziare strade e ferrovie"

"Quando sarà pronta, i container andranno via gomma fino a Prato"


La nuova Darsena Europa di Livorno comporterà un aggravio del traffico merci ferroviario da Prato in direzione e Bologna e, in prima battuta, del traffico merci su gomma sulla Firenze-Pisa-Livorno. Lo ha spiegato Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana, nel corso di una diretta Facebook con il sindaco di Montelupo, Paolo Masetti.

“Per andare al nord le merci non seguiranno la via che mi sembrava più naturale -ha osservato Giani- e cioè la costa e il pontremolese. I container della Darsena viaggeranno in Fi Pi Li, e solo a Prato prenderanno la via ferroviaria. Quindi -ha sottolineato Giani- servono nuovi interventi per valorizzare i rapporti con Pisa, per una viabilità che sarà provata da nuovi carichi”.
“Da Prato -ha proseguito Giani- le merci prenderanno la via degli Appennini passando da Vernio e poi Bologna. Senza che lo vogliamo, avremo un ulteriore sovraccarico di merci. Ferrovie sta lavorando alla differenziazione e alla risagomatura delle gallerie della Val di Bisenzio, la vecchia direttissima”.
Giani ha così ribadito, nel quadro del suo programma elettorale per le prossime Regionali, la necessità di mettere mano alla Fi-Pi-Li per arrivare alla corsia di emergenza e in certe tratte alla terza corsia, e alla creazione di una “Toscana Strade Spa”, tanto più nel caso in cui dovessero davvero essere rimesse in discussione le attuali concessioni nazionali. E' previsto che la Darsena sarà completata nel 2024. 

Marco Bazzichi