Spaccio di droga a Firenze: in pochi giorni 5 arresti della Polizia

Un pusher oltre alla droga aveva nascosto nel manubrio della bicicletta un coltello di 23 cm con lama seghettata


Altri due pusher sono stati arrestati nell’ambito di una serie di mirati servizi di contrasto allo spaccio in citta predisposti dalla Questura di Firenze unitamente ai Commissariati di zona.

Nel primo pomeriggio i Falchi della Squadra Mobile hanno sorpreso un pusher all’opera in piazza Stazione.

Si tratta di un cittadino del Gambia di 33 anni. Lo spacciatore è stato fermato dagli agenti dopo che aveva ceduto un grammo e mezzo di hashish ad un 17enne.

Il minore è stato segnalato quale assuntore, mentre lo spacciatore è finito in manette.

Sempre nell’ambito del contrasto allo spaccio di droga, nella serata di ieri, gli Agenti del Commissariato San Giovanni hanno arrestato in via della Spada un cittadino tunisino di 41 anni con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, fermato a bordo della sua bicicletta.

Durante il controllo, proprio dal manubrio della bici è saltato fuori un coltello di 23 centimetri con lama seghettata. I poliziotti hanno poi scoperto che l’uomo aveva in tasca una busta con 25 grammi di marijuana.

Già noto per i suoi specifici precedenti di polizia, il 41enne è finito in manette; oltre che dell’accusa che ha portato al suo arresto, dovrà anche rispondere del possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

Durante la settimana altri due spacciatori sono stati arrestati nella zona di piazza San Jacopino dal Commissariato San Giovanni e un terzo martedì scorso dalla Squadra Mobile. In quest’ultimo caso si è trattato di un cittadino maliano di 22 anni che aveva tentato di darsi alla fuga tra i taxi parcheggiati in Piazza Stazione con addosso 43 grammi di hashish.

Da segnalare anche, nella tarda mattinata di martedì, un'operazione del "Falchi". Gli agenti in borghese stavano effettuando un mirato servizio di prevenzione e contrasto ai reati "predatori" nella zona del mercato di San Lorenzo quando la loro attenzione è stata catturata da tre uomini che si aggiravano tra i turisti. I poliziotti hanno subito deciso di seguire i loro spostamenti.

In via Sant’Antonino il terzetto è entrato in azione: si sono avvicinati ad un giovane con lo zaino in spalla e mentre due si sono frapposti davanti all’ignara vittima, il 25enne ha aperto la cerniera con estrema destrezza ed ha allungato la mano all’interno.

A questo punto anche la polizia è entrata in azione: i tre sono stati fermati prima che potessero mettere a segno il colpo e dileguarsi tra la folla.

Con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso la Polizia di Stato ha così arrestato due cittadini romeni di 25 e 52 anni (entrambi già noti) e denunciato un terzo elemento del gruppo, un incensurato 24enne sempre originario della Romania.

Redazione Nove da Firenze