Servizi museali di Firenze: personale a rischio, presidio alla Galleria dell’Accademia

Sul tema c’è stato anche un incontro col direttore degli Uffizi Eike Schmidt


 Domani martedì 5 marzo i lavoratori di Opera, con Filcams Cgil e UilTucs, faranno un presidio e un volantinaggio a Firenze davanti alla Galleria dell’Accademia (via Ricasoli) dalle 10 alle 12.

L’agitazione è dovuta al fatto che le gare d’appalto per i servizi museali fiorentini, definite da Consip e relative alle biglietterie, accoglienza e bookshop di Uffizi, Palazzo Pitti, Accademia e Museo di San Marco, mettono a rischio occupazione, diritti e salario dei circa 300 dipendenti di Opera.

Una situazione già denunciata dai lavoratori attraverso volantinaggi e altre iniziative di sensibilizzazione di cittadini e visitatori (sul tema c’è stato anche un incontro col direttore degli Uffizi Schmidt). "Per il presidio di domani è stata scelta l’Accademia anche perché la direttrice Cecilie Hollberg, sulla questione dei rischi occupazionali, tace".

Il sindacato, "rivendicando il rispetto di quanto sottoscritto con il Mibac stesso in materia di clausole sociali, chiede l’intervento diretto del Ministro per beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, per evitare che queste gare di appalto, già bandite da Consip o in via di definizione, possano peggiorare le condizioni dei lavoratori e delle lavoratrici impiegati e conseguentemente i servizi per i cittadini. Il sindacatol in tal senso fa appello anche al sindaco Nardella e alle sei ditte che hanno superato la preselezione del bando Consip e corrono per l’assegnazione del servizio. Senza risposte, sarà proclamato lo stato di agitazione e successivamente all’orizzonte c’è un grande sciopero dei musei fiorentini" concludono Filcams Cgil e UilTucs Firenze

Redazione Nove da Firenze