Scuola, problemi e proposte in videoconferenza

Domani mercoledì 13 maggio assemblea del personale delle scuole fiorentine in modalità telematica indetta da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Unams di Firenze


Firenze, 12-5-2020 - "Con l’avvio della cosiddetta “fase 2 per l'Emergenza Covid-19” e l’approssimarsi della conclusione dell’anno scolastico, ancora troppe sono le problematiche aperte e i nodi irrisolti: l’assenza di un protocollo specifico sulla sicurezza e la tutela della salute, le criticità e i limiti evidenziati dalla didattica a distanza, l’assenza di un piano straordinario di investimenti per potenziare gli organici docenti e Ata e dotare le scuole di risorse e strumenti necessari per una ripresa in presenza all’inizio del prossimo anno scolastico, provvedimenti sbagliati e inefficaci per la stabilizzazione dei precari". Così un documento firmato Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Unams di Firenze . "Fin dall’inizio dell’emergenza - proseguono - i sindacati hanno avanzato proposte e disponibilità al dialogo, ma il Ministero dell’Istruzione ha condotto la gestione dell’emergenza senza alcun confronto con le lavoratrici e i lavoratori. Domani mercoledì 13 maggio si svolgerà l’assemblea provinciale del personale della scuola (indetta da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Unams di Firenze), in modalità telematica dalle 9 alle 12: questo appuntamento sarà quindi l’occasione per docenti e personale ATA di far emergere le gravi questioni che la scuola sta vivendo e chiedere a gran voce un cambio di rotta, in previsione soprattutto del nuovo anno scolastico.

L’organizzazione della videoconferenza ha impegnato più giorni i sindacati fiorentini, che hanno messo in piedi un’infrastruttura tecnologica in grado di far partecipare il personale (docente e Ata) di tutti e 107 gli istituti della provincia, che assomma potenzialmente a decine di migliaia di persone".

Redazione Nove da Firenze