Santo Spirito, pugno di ferro anti-alcol: dalle 20 alimentari chiusi

Firmata l’ordinanza di chiusura dei negozi alimentari nella piazza e dintorni: sarà in vigore da domani 18 settembre al 15 ottobre. L’atto del sindaco prevede anche il divieto di vendita di bevande alcoliche nell’area Unesco. Multe da 400 a 500 euro


Chiusura obbligatoria dalle 20 alle 6 nei giorni di venerdì, sabato e domenica degli esercizi di vendita al dettaglio del settore alimentare in piazza Santo Spirito, via Sant’Agostino, via Mazzetta, via Maffia, via Maggio, via delle Caldaie, Borgo Tegolaio e via del Presto di S. Martino: lo prevede l’ordinanza firmata oggi dal sindaco, che entrerà in vigore domani, venerdì 18 settembre, fino al 15 ottobre.

L’atto vieta anche, in tutto il centro storico patrimonio mondiale Unesco, la vendita dalle 20 alle 6 delle bevande alcoliche in qualunque contenitore e la vendita, anche su area pubblica, la somministrazione e la vendita per asporto da parte dei somministratori di qualsiasi bevanda in contenitori di vetro, ad eccezione del servizio al tavolo nell’ambito delle sole attività di somministrazione di alimenti e bevande, nonché la detenzione di contenitori in vetro per qualsiasi tipo di bevanda.

Per chi non rispetta i divieti di vendita e di consumazione e l’obbligo di chiusura imposti dell’ordinanza sono previste multe che variano da un minimo di 400 a un massimo di 500 euro.

Redazione Nove da Firenze