Sanificazione merce e data saldi estivi: Confesercenti chiede aiuto

Coronavirus e riaperture, parla Tinti presidente regionale Fismo-Confesercenti: "Chiediamo la partenza dei saldi estivi al primo sabato di agosto, non di luglio. Vogliamo aprire prima possibile con tutti i protocolli di tutela ma senza provvedimenti impossibili da attuare come la sanificazione della merce"


“Chiediamo una decisione della Conferenza Stato-Regioni che sposti la partenza dei saldi estivi al primo sabato di agosto, e non come adesso al primo sabato di luglio. Contestualmente chiediamo che venga fissato tale periodo in trenta giorni e che venga confermato, invece, il divieto di effettuare vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti l’inizio dei saldi”. Così Fabio Tinti presidente regionale Fismo-Confesercenti.

“Le imprese del nostro settore, come l’intero comparto commerciale, stanno vivendo una crisi senza precedenti con i negozi chiusi da due mesi, nessuna entrata a fronte dalla uscite consolidate, con le merci presenti al 100%,visto che il periodo di chiusura è iniziato poco dopo la fine dei saldi invernali. Vogliamo aprire il prima possibile, ha continuato Tinti, con tutti i protocolli possibili di tutela nei confronti del cliente e dell’impresa nel suo genere, ma senza provvedimenti impossibili da attuare come la sanificazione della merce”.

Redazione Nove da Firenze