Salvini ai giudici: "Nessuna minaccia ma vado avanti, voglio sapere"

Il ministro dell'Interno: "Userò tutti gli strumenti previsti dall'ordinamento. Chi si schiera contro la politica del governo può giudicare in cause che coinvolgono il Viminale?"


(DIRE) Roma, 6 giu. - "Nessun linciaggio, nessuna minaccia, nessun dossier: ho intenzione di usare tutti gli strumenti previsti dall'ordinamento per sapere se è normale e opportuno che alcuni magistrati, pubblicamente schierati contro la politica del governo, abbiano giudicato in cause che coinvolgevano il Viminale. Mi spiace che venga chiamato in causa il Csm, che in queste settimane ha altro a cui pensare. Lavoro per la sicurezza di tutti gli italiani, magistrati compresi". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini, riferendosi al tribunale di Firenze.

Redazione Nove da Firenze