Rubrica — Siena Calcio

Renate-Siena è pareggio ma la Robur non ci sta

Dal Canto

Partita equilibrata giocata su un campo pesante causa pioggia. Non concesso un rigore agli ospiti che pare esserci. Traversa per i padroni di casa


Il Siena fa la voce grossa. Non ci sta. Al termine della partita con il Renate, le parole del direttore sportivo Davide Vaira e di mister Alessandro Dal Canto non lasciano spazio ai dubbi. Un rigore non dato, che sembra esserci, condiziona il risultato e lo stato d’animo di Vaira: “La partita è stata equilibrata, siamo venuti a giocare in casa della seconda in classifica facendo una grande partita e rischiando solamente negli ultimi minuti. C’è però un episodio di una gravità inaudita, le immagini parlano chiare, un fallo di mano un metro dentro l’area di rigore con il signor Rutella che non ha giocatori in traiettoria viene punito con una punizione al limite dell’area”.

Il riferimento è chiaro, l'episodio pure. Un dubbio rimane anche se il tocco di mano di Damore pare essere dentro l’area di rigore. Il direttore è un fiume in piena: “Siamo abituati a non lamentarci degli arbitraggi, siamo abituati a stare in silenzio e a guardare ai nostri errori cercando di migliorarci, però arrivati a questo punto ci fermiamo anche noi e rimarchiamo alcune cose: non ci è stato dato un rigore evidente alla prima giornata con l’Olbia, con la Carrarese ci è stato annullato un gol per fuorigioco ma c’era un rigore clamoroso, con l’Arezzo viene convalidato il loro gol in fuorigioco e ci viene annullato un gol regolare a Cesarini, domenica ci è capitato un’altra volta un episodio che non accade nemmeno in terza categoria, con i guardalinee sostituiti dai dirigenti delle due squadre”. Poi la conclusione più amara: “Siamo dei professionisti, vengono chiesti molti sforzi alle proprietà a livello economico come per le società di serie A e oggi è successa una cosa inaccettabile. Stiamo apprezzando molto il lavoro del presidente Ghirelli, la nostra presidente lo sostiene nel suo lavoro che sta portando avanti per la Lega, ma l’episodio di oggi non possiamo accettarlo: non è giusto nei confronti della proprietà, dei dirigenti, dello staff e dei giocatori che fanno mille sacrifici per provare a vincere le partite, affrontano una squadra forte come il Renate e non viene concesso un calcio di rigore del genere, non lo accettiamo”. 

Mister Alessandro Dal Canto fa da eco: “E’ stata una partita equilibrata e come al solito la può decidere un episodio: senza nulla togliere alla partita che ha fatto il Renate, oggi siamo stati penalizzati dall’ennesimo episodio arbitrale, abbiamo un fermo immagine clamoroso di un fallo di mano involontario di Damonte che è dentro all’area di rigore”

Detta così appare difficile da digerire. Sullo sfondo una partita vera, maschia assolutamente equilibrata. Primo tempo con diverse emozioni e portieri sempre attenti. Nella ripresa i due episodi chiave: quello appena descritto insieme alla traversa colta da Damonte (ancora lui) al minuto 92.

Il pareggio, forse, non accontenta nessuno anche se, probabilmente, appare il risultato più giusto. Dubbi a parte

Siena Calcio — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore. Potete scrivergli a tonio.saponaro@virgilio.it

E-mail: tonio.saponaro@virgilio.it