Regolarizzare i lavoratori stranieri, la Cgil toscana sta con Bellanova

Forte documento del sindacato "rosso" che appoggia con decisione la volontà della ministra dell'Agricoltura. Anche Nardella d'accordo


Firenze, 7-5-2020 - La Cgil Toscana e i coordinamenti immigrazione di ogni Camera del lavoro lanciano un appello a favore della regolarizzazione dei lavoratori stranieri. "Sono anni - si legge in una nota - che chiediamo un concreto superamento della Legge Bossi-Fini. Dopo anni in cui i governi che si sono succeduti hanno pensato solo a stringere le maglie e rendere più difficile la presenza straniera in Italia, accogliamo con favore l'apertura verso una “sanatoria”. La battaglia della ministra Teresa Bellanova sta trovando un forte appoggio nei sindacati toscani:  nella nota (firmata da Maurizio Brotini - CGIL Toscana, Simone Porzio – Responsabile Coordinamento immigrazione CGIL Toscana e per i Coordinamenti immigrazione della Camere del lavoro toscane da Luca Gabrielli – CGIL Arezzo, Gianluca Lacoppola – CGIL Firenze, Pier Paolo Micci – CGIL Grosseto, Patrizia Villa – CGIL Livorno, Maria Rosaria Costabile – CGIL Lucca, Alessio Menconi – CGIL Massa e Carrara, Tania Benvenuti – CGIL Pisa, Emiliano Silvestri – CGIL Pistoia, Manuela Marigolli – CGIL Prato e Cristina Pascucci – CGIL Siena) si sottolinea tra l'altro che "i 600 mila lavoratori e lavoratrici presenti in modo irregolare in Italia sono una ferita aperta per la nostra comunità. Sono nostri compagni e colleghi di lavoro gravemente sfruttati su cui però poggia un pezzo importante della produzione del valore. E su cui poggia gran parte dell'illegalità diffusa e della criminalità organizzata veri problemi per il sistema economico e sociale anche toscano. Gli stranieri irregolari - proseguono i sindacalisti - non vanno regolarizzati solo perché lo chiedono imprese che con il Coronavirus si sono trovate scoperte di manodopera. O perché fanno lavori che gli italiani non vogliono fare. Chiediamo di regolarizzarli tutti perché sono una parte importante del nostro Paese, sono persone non solo che svolgono ruoli imprescindibili in economia (dall'agricoltura all'edilizia, dalla cura alla persona alla manifattura), ma soprattutto perché hanno speranze e ambizioni di rendere migliori le loro vite. Le loro speranze sono quelle della Cgil: un mondo più giusto, privo di sfruttamento e libero dal bisogno. Chiediamo un nuovo modello di sviluppo, regolarizzare chi per anni è rimasto sfruttato e senza voce non può che essere il primo passo. Se il Governo lo farà, l'Italia diventerà per tutti un Paese migliore. Per questo serve un provvedimento serio e coraggioso che non abbia limiti temporali o di settori di lavoro, in modo da abbattere efficacemente il fenomeno del lavoro nero e del caporalato", concludono.

Ieri anche il sindaco di Firenze Dario Nardella si era espresso a favore della regolarizzazione porposta da Bellanova: "E' necessario che questo pezzo del Paese emerga, anche per motivi di salute, di sicurezza sanitaria", ha detto tra l'altro.

Redazione Nove da Firenze