Regione Toscana, svolta sulla sicurezza: arrivano i vigili di quartiere

La Regione Toscana ha deciso di investire direttamente con alcune sperimentazioni


Un nuovo intervento a livello regionale interesserà i vigili di quartiere o di prossimità. Senza sostituirsi allo Stato e alle forze dell'ordine, la Regione Toscana finanzia già sistemi di videosorveglianza intelligenti, forma la polizia municipale e promuove progetti speciali per la rivitalizzazione di luoghi difficili, "nella consapevolezza che dall'animazione sociale e culturale di un quartiere passa anche il suo stato di sicurezza".

L'iniziativa è già operativa sul territorio del Comune di Firenze, decisa da Dario Nardella ed organizzata dall'assessore Federico Gianassi la vigilanza di prossimità è partita ad ottobre 2017 con un calendario di incontri con la cittadinanza e presidi in piazza. 

Il progetto regionale vedrà il coinvolgimento anche di Anci Toscana e sarà illustrato giovedì 28 giugno alle ore 13 nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, in piazza del Duomo 10, sede della presidenza della Regione.

Interverranno il presidente della Toscana Enrico Rossi, l'assessore alla presidenza e alla sicurezza Vittorio Bugli e il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni. 

Redazione Nove da Firenze