Publiacqua: inaugurato il Fontanello 100

Censimento dei fontanelli tradizionali a Impruneta


Inaugurato lunedì il quarto fontanello di Alta Qualità installato da Publiacqua sul territorio comunale di Scandicci. Non un fontanello come gli altri visto che è il numero 100 installato dal gestore. Un fontanello speciale per un’occasione altrettanto speciale visto che questa mattina l’inaugurazione del nuovo punto acqua ha coinciso con quella della rinnovata e riqualificata Piazza Giovanni XXIII. Un’occasione a cui non sono quindi voluti mancare il Sindaco Sandro Fallani, Alessandro Mazzei, Direttore Generale dell’Autorità Idrica Toscana, e Lorenzo Perra, Presidente di Publiacqua. Il fontanello di Piazza Giovanni XXIII, come detto, è il quarto installato a Scandicci, a conferma di un impegno costante di Publiacqua e dell’amministrazione locale sui temi ambientali e, nello specifico, della riduzione della plastica. Una causa ambientale sposata in maniera lungimirante fin dal settembre 2012 quando fu inaugurato il fontanello di San Giusto. A questo negli anni seguenti si sono aggiunti poi quelli di Badia a Settimo, Vingone ed il fontanello metropolitano di Pontignale che è condiviso con il Comune di Firenze. I tre fontanelli fino ad oggi presenti sul territorio di Scandicci nel triennio 2017-19 hanno erogato complessivamente oltre 4,8 milioni di litri di acqua con una riduzione di equivalenti 3,2 milioni di bottiglie da 1,5 litri non prodotte, trasportate, acquistate dai cittadini (con un risparmio per le famiglie di oltre 1 milione di euro) e non smaltite e quindi oltre 112 tonnellate di plastica e 675 tonnellate di CO2 risparmiate. Nel complesso dei 45 comuni dove Publiacqua gestisce il servizio, sono oggi installati 100 fontanelli di Publiacqua che in totale, nel quinquennio 2015 al 2019, hanno erogato ben oltre i 216 milioni di litri di acqua con un risparmio per l’ambiente di oltre 144 milioni di bottiglie di plastica da 1,5 litri non prodotte, trasportate e smaltite (risparmiate quindi oltre 5 mila tonnellate di plastica e oltre 30 mila di CO2), e per le tasche delle famiglie del nostro territorio di oltre 45 milioni di euro dati dal mancato acquisto delle stesse bottiglie. Numeri quelli appena elencati che diventano ancora più importanti se si considera che per produrre 25 bottiglie di plastica da un litro e mezzo, occorrono 2 chilogrammi di petrolio e 17 litri e mezzo di acqua. E’ sufficiente moltiplicare questi pochi numeri per i milioni di bottiglie consumate ogni anno per avere l’idea della dimensione del risparmio ambientale: meno consumo di risorse e meno rifiuti.

Il censimento dei fontanelli pubblici del territorio di Impruneta, promosso dai Verdi per Impruneta lo scorso novembre, ha raggiunto la quota dei 40 fontanelli “registrati”, come risulta già consultabile on-line dal sito Web www.ondaverde.ilcannocchiale.it sulla mappa interattiva, con la loro localizzazione e visualizzare le foto di ciascun fontanello censito. Dei 40 fontanelli censiti, sono 11 quelli che risultano disattivati (qualcuno anche rimosso), mentre anche per quelli attivi per alcuni vi è necessità di una adeguata manutenzione.

Redazione Nove da Firenze