Pezzella salva una brutta Fiorentina

Una gara mediocre ed equilibrata che ha l'unico merito di regalare tre punti ai Viola. Difficoltà a centrocampo e inconsistenza in attacco. Bene Castrovilli, in ombra Chiesa,Boateng impalpabile.


Una partita noiosa in un Franchi illuminato dal sole e da oltre trentamila tifosi. La gara è uno spareggio tra due squadre di bassa classifica e tale appare per lunghi tratti. Fiorentina e Spal la giocano come se fosse l'ultima partita di un campionato che è soltanto arrivato al primo giro di boa.

L'inizio gara della Fiorentina è abbastanza deciso. I viola trovano subito un goal con Boateng ma la rete è annullata per un fuorigioco di Pezzella. Dopo una fiammata iniziale, la partita rallenta. I ritmi si abbassano e la Spal gestisce la gara con leggerezza e con buone trame, mentre la Fiorentina non fa alcun pressing e lascia giocare. La partita ha i ritmi di una seduta d'allenamento, poi al 32' Castrovilli, servito da Lirola, impegna Berisha in un difficile intervento. Dopo questo episodio non succede molto sino al 42' quando Felipe di testa manca di poco il bersaglio, Sul finire del tempo è ancora la Spal ad andare vicino al goal, quando dopo una punizione di Strefezza ribattuta dal palo, Felipe manca di un soffio il bersaglio Poche emozioni in questo primo tempo. La Fiorentina, che ha lasciato far gioco allo Spal, creando pochissimo esce tra i fischi dei tifosi.

Nella ripresa Iachini schiera Vlahovic al posto di un impalpabile Boateng, e proprio Vlahovic si mette in luce con un tiro che finisce fuori di poco. Al quarantanovesimo è ancora Dusan a servire Chiesa che davanti alla porta spara alto. Per un lungo tratto del tempo è la Spal a esercitar possesso palla mentre i viola non riescono a imporre il gioco. Nessun tira in porta e la gara affonda nella noia. La Fiorentina mostra gravi carenze a centrocampo. L'unico viola che brilla è Castrovilli.La partita nella sua pochezza, la fa soprattutto la Spal che si rende pericolosa al 72' con un cross di Floccari su cui Petagna non arriva.

Al 75′ Iachini manda in campo Cutrone al posto di un Chiesa, decisamente in ombra.Al 78′ Valoti vince un rimpallo in area e cerca il cucchiaio, ma il pallone è deviato sul fondo da un decisivo intervento di Dragowski. All’82' la Fiorentina improvvisamente e imprevedibilmente passa in vantaggio: Pezzella su calcio d'angolo colpisce di testa e batte Berisha. La Spal attacca ma colleziona solo calci d'angolo. La Fiorentina si difende e potrebbe raddoppiare al 91' quando un colpo di tacco di Cutrone, su assist di Lirola, finisce di poco fuori. La gara finisce con una vittoria dei Viola che ritornano a vincere dopo due mesi è mezzo. Un risultato non del tutto meritato che permette alla squadra di Iachini di portarsi a 21 punti e di allontanarsi momentaneamente dalla zona pericolosa della classifica. Il gioco latita ed è un problema non di poco conto in vista delle prossime difficili gare. Se non cambia qualcosa, la squadra è destinata a lottare fino alla fine per la salvezza.

“Ringrazio i tifosi per l'accoglienza - ha dichiarato Iachini ai microfoni di Sky-stiamo vivendo un momento delicato altrimenti non ci sarebbe stato il cambio in panchina. Sono insieme con i ragazzi da dodici giorni, mi stanno dando grande disponibilità e stiamo dimostrando più solidità e a recepire alcuni input ma dobbiamo conoscerci ancora di più. Ci è entrata la paura, tensione e timore dopo i primi 20'. In casa la squadra ha un eccessivo timore mentre fuori casa giochiamo più sciolti. Bene i tre punti, ci interessava vincere questa partita, fare strada anche perché erano tanti mesi che non vincevamo al Franchi, è una bella iniezione di fiducia".

Anche Commisso ha parlato nel dopo partita: “Ho avuto tanta paura come sempre, ma questa volta è andata meglio sotto il profilo della fortuna. Sono felice che i ragazzi si siano liberati dalla paura che avevano, il 2020 è già meglio del 2019. Ho visto gli ultimi 20' della squadra molto bene, ma gli ultimi 20' del primo tempo no, non mi sono piaciuti. Spero che questa sia la partita della svolta”.

Fiorentina - Spal 1-0

.FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Lirola, Benassi, Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Chiesa (29' st Cutrone), Boateng (1' st Vlahovic). Allenatore: Iachini

SPAL (4-3-3): Berisha; Cionek, Felipe, Vicari, Igor (41' st Jankovic); Murgia, Valoti, Missiroli; Di Francesco (19' st Floccari), Petagna, Strefezza. Allenatore: Semplici

Arbitro: Doveri di Roma

Reti: 37' st Pezzella

Note: ammoniti Pezzella, Murgia

Alessandro Lazzeri