Olimpiadi Firenze-Bologna 2032: sindaci al Coni il 22 ottobre

Nardella e Merola incontreranno Malagò spiegando che potrebbero essere coinvolte altre regioni e che saranno i Giochi più sostenibili della storia. Il primo cittadino gigliato più ottimista: "Questa intuizione sta prendendo corpo"


(DIRE) FIRENZE, 8 ott. - Una candidatura per "tutto il Paese" con "la convinzione che FIRENZE e Bologna possano essere la testa di un'iniziativa che coinvolga non solo Toscana ed Emilia-Romagna, ma anche altre città e regioni". Convocati il 22 ottobre, i sindaci Dario Nardella e Virginio Merola si presenteranno davanti al presidente del Coni Giovanni Malagò illustrando questa come la strada principale per dar fiato e gambe al sogno olimpico. Lo spiega il primo cittadino gigliato, a margine di un'iniziativa in città. "Questa intuizione", la corsa per strappare a possibili pretendenti come l'Australia i giochi del 2032, "sta prendendo corpo". Per questo, aggiunge, al Coni "porteremo l'idea di Olimpiadi assolutamente green, le più sostenibili della storia", cioè "a impatto zero". Ma anche "l'idea di un comitato promotore di livello internazionale". 

Infine, "ci presenteremo con grande realismo, sapendo che le Olimpiadi non dovranno essere una vetrina, ma un'opportunità per realizzare infrastrutture e impianti sportivi che poi resteranno nei territori a beneficio dei cittadini".

Redazione Nove da Firenze