Rubrica — Spettacolo

Odeon Firenze: cinema e teatro per la Festa della Donna

Domenica 8 marzo lo spettacolo su Frida Kahlo e due omaggi: ad Agnè Varda e alla musa di Leonard Cohen


Domenica 8 Marzo giornata davvero speciale al Cinema Odeon di Firenze che per la Festa della Donna ha in programma un triplo appuntamento.Alle ore 16 lo spettacolo teatrale FRIDA KAHLO: AMOR Y REVOLUCION.Frida la pittrice, Frida la poetessa, Frida la comunista, Frida l’amante. Tante definizioni per un’unica, eccezionale artista impossibile da ingabbiare in una categoria. “Amor y Revolución” è un testo originale basato sugli scritti di Frida: attraverso lettere, poesie, pagine del diario e canzoni, lo spettacolo ripercorre la turbolenta, dolorosa ed appassionata vita dell’artista messicana. Della sua complessità Frida era perfettamente ed orgogliosamente consapevole, tanto da usare spesso il tema del doppio per parlare di sé, della distinzione fra due sue anime, opposte e complementari. Questa alterità trova la sua più profonda rappresentazione nel quadro “Le due Frida”, fonte di ispirazione nella scrittura e messa in scena di “Amor y Revolución”: sul palco due attrici, due anime, due Frida, una che racconta e ricorda e una che vive e sente. Ad accompagnare le due Frida la musica, per raccontare anche ciò che le parole non riescono. Quattro musicisti, i Puerto Sureño, sottolineano ed esaltano i momenti più intensi dello spettacolo.

Alle ore 18.30 l'omaggio alla grande regista francese Agnès Varda, scomparsa un anno fa con CLEO DE 5 A 7 in una nuova versione restaurata 4K. Una giovane cantante aspetta un referto medico, sicura di essere molto malata. D’un tratto, nella sua vita di ragazza egoista e viziata, s’insinua una nuova emozione che le apre gli occhi: la paura della morte. Il film è un ritratto di Clèo colta nell’ansia dell’attesa. Clèo cammina per le strade del suo quartiere, Montparnasse, e si fà notare. Ma quel giorno nota anche lei parecchie cose, alle quali non aveva badato prima. Si ferma un momento al caffè del Dôme, poi va a trovare, in uno studio di pittura, la sua amica Dorotea, una modella, e insieme fanno delle commissioni. Per caso assistono alla fine di un film e per disgrazia ad un incidente stradale. Le due ragazze si separano; Clèo, di nuovo sola, attraversa il parco di Montsouris. Per la prima volta si lasciaavvicinare da un ragazzo: un soldato in licenza. Insieme vanno fino all’ospedale per conoscere l’esito dell’esame radiologico. Il film sarà preceduto dal cortometraggio (8′), sempre diretto da Agnès Varda, REPONSE DES FEMMES: Antenne 2 chiede a sette registe di rispondere in sette minuti alla domanda: “Che cos’è una donna?”. Agnès Varda risponde con un ciné-tract: alcune donne discutono di sesso, desiderio, pubblicità e bambini (averne o non averne). Una donna nuda e incinta che danza e ride a squarciagola suscitò allora proteste scritte di alcuni telespettatori.

Alle ore 20.30 la replica straordinaria del film-evento sul gigante della musica d'autore LEONARD COHEN e la sua musa ispiratrice, MARIANNE IHLEN. La magia della Grecia e la storia di un amore intenso capace di ispirare alcune delle più belle canzoni del poeta della musica. Inserito da Rotten Tomatoes tra i migliori film del 2019. Nel settembre del 1960, Leonard Cohen acquistò una casa non lontano dalla costa del Peloponneso, sull’isola greca di Hydra, che fra gli anni ’50 e gli anni ’60 era diventata un rifugio di artisti, raccogliendo una comunità bohémienne di scrittori, pittori, musicisti uniti da uno spirito libero e libertario. All’epoca, Cohen aveva da poco compiuto 26 anni e aveva già scritto “Let us compare mythologies” e “The Spice-Box of Earth”. A Hydra, il poeta canadese cercava la pace che gli occorreva per scrivere. È proprio per narrare questa esperienza che nasce l'ultimo documentario di Nick Broomfield, composto da filmati d’archivio, testimonianze, immagini di repertorio. Un amore breve e intenso il loro, iniziato nel 1960 proprio sull’idilliaca isola di Hydra. Con immagini inedite, il film segue Marianne e Leonard a partire dai loro primi giorni sull’isola, all’insegna dell’amore libero e dei matrimoni aperti, sino all’evoluzione della loro relazione, quando Leonard divenne un musicista di successo. Il legame speciale tra i due sarebbe continuato, tra alti e bassi, per il resto delle loro vite.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

Redazione Nove da Firenze