Nuove sale tecnologiche a Santa Maria Nuova: l'antico ospedale entra nel futuro

​Nuovo blocco operatorio nell'ospedale più antico del mondo


La realizzazione del nuovo Blocco Operatorio conclude il complessivo intervento di ristrutturazione e riqualificazione del presidio ospedaliero Santa Maria Nuova, l’ospedale più antico del mondo ancora funzionante nel centro storico fiorentino.

Le nuove sale, già operative, vengono inaugurate domani mercoledì 27 marzo dall’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi insieme all’assessore welfare e sanità del Comune di Firenze Sara Funaro alla presenza del direttore generale Paolo Morello Marchese e del direttore sanitario Emanuele Gori.

Sono stati investiti 3 milioni di euro per l’intervento strutturale e 1 milione di euro per rinnovare l’intera dotazione chirurgica, tecnologica ed informatica. Nuova anche la Centrale di Sterilizzazione (altri 180.000 euro). Sale hi tech sono dunque realizzate all’interno di un ospedale che è in attività dal 1288, oggi diretto dalla dottoressa Francesca Ciraolo.

L’ingegnere Luca Meucci, dell’area tecnica aziendale, che ha coordinato l’intervento, è riuscito a coniugare le esigenze dell’alta tecnologia preservando il contesto storico e artistico.

All’interno del nuovo Comparto Operatorio, di cui è direttore il dottor Marcello Lucchese, sono svolti interventi di chirurgia generale, bariatrica e metabolica di cui il SMN è Centro eccellenza, di otorinolaringoiatria, ortopedia e traumatologia e di chirurgia ginecologica e minvasiva. Le Sale sono coordinate dal dottor Simone Giannozzi.

All’inaugurazione partecipa anche Padre Ghilardi per impartire la benedizione.

Redazione Nove da Firenze