Neve: con le abbondanti precipitazioni riparte la stagione "bianca"

Il bollettino per il weekend del comprensorio della Doganaccia sull'Appennino pistoiese e del parco nazionale delle Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna. Accumuli di neve fresca dai 20/30 centimetri di Appennino pistoiese, Garfagnana e Lunigiana agli 80 centimetri dell'Amiata


Annunciata da giorni, temuta in città e in pianura, la neve ha fatto il suo dovere in montagna, ovvero imbiancare le piste e rendere magico il paesaggio. Variabili gli accumuli di nuova neve fresca, si va infatti dai circa 20 centimetri dell'Appennno pistoiese, ai 30 della Garfagnana e Lunigiana, fino agli 80 centimetri caduti sull'Amiata. Il week end si annuncia dunque tra quelli da appuntare in agenda per gli appassionati della montagna: le stazioni si presentano con tutti gli impianti aperti e sono agibili anche le escursioni con le ciaspole e gli itinerari per lo sci nordico.

Da sottolineare in particolare: all'Abetone il collegamento sci ai piedi di tutto il Comprensorio, oltre che l'apertura delle seggiovie Tre Potenze e Regine/Selletta ; all'Amiata l'apertura da sabato di 10 piste su 12 ; in Garfagnana sarà tutto aperto, sia al Casone di Profecchia che a Careggine e saranno agibili gli itinerari per lo sci nordico al Passo Radici; confermata l'apertura totale delle stazioni della Doganaccia (Pt) e di Zeri in Lunigiana.

La neve caduta nei giorni scorsi ha imbiancato il paesaggio della Doganaccia, rendendo ancora più piacevoli lo sci e le ciaspolate. Il comprensorio è aperto tutti i giorni; sabato sera le piste saranno aperte anche per lo sci in notturna, dalle ore 18 alle ore 21: la funivia resterà in funzione fino alle ore 21,30.

Tutti gli impianti di crinale nel Parco nazionale delle Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna sono aperti: piste da sci, fondo, snow, slittini e campo scuola. Ricchissimo e differenziato è anche il programma di escursioni in panorami mozzafiato con le ciaspole. Le scommesse, da tornare a vincere sono quelle di realizzare un felice connubio tra rispetto dell'ambiente e divertimento sulla neve, e di allargare la proposta invernale ad attività che valorizzano le infinite suggestione del "sonno" della foresta. E questo anche quando le condizioni non sono ottimali per gli impianti delle piste da sci: con le ciaspole, con la fat bike, a piedi... "Neve e natura" rinnova la collaborazione tra il Parco nazionale e il comune di Santa Sofia all'insegna della valorizzazione del patrimonio ambientale e della sostenibilità. "Prova con noi lo sci da fondo" è il programma proposto nella giornata di domenica 27 gennaio. Si tratta di un corso gratuito adatto a tutti (dai 10 anni in su) dedicato ad una splendida disciplina che avvicina il mondo dell’escursionismo a quello dello sci. Si svolgerà presso la pista da sci di fondo di Campigna sia la mattina che il pomeriggio. E' possibile noleggiare l’attrezzatura in loco (è consigliata la prenotazione). Informazioni presso l'hotel Granduca (tel. 0543.980051) o l'albergo lo Scoiattolo (0543. 980052). Tornano anche i corsi di sci per ragazzi "Allacciate gli scarponi, si parte!": sul versante romagnolo, a cura dello Sci Club Forlì, con servizio pullman andata e ritorno da Forlì, la proposta si rivolge a ragazzi dai 6 anni in su (informazioni: 0543. 30335 - 337. 593361); su quello toscano organizzano lo Sci club Stia (sig. Bresciani 348. 7205267) e lo Sci club Tacconi sport (sig. Fani 333. 4749727). Il programma è pensato per studenti delle scuole primarie e secondarie del Casentino. Domenica il Gruppo Trekking Forlì organizza la tradizionale ciaspolata in Campigna. L’escursione sarà di 13 km con 500 metri di dislivello e avrà la durata di circa 5 ore. Lunedì 4 febbraio sarà la volta dello speciale "Madonna del fuoco". Domenica 10 febbraio torna (terza edizione) il "Winter trail di Campigna", kermesse competitiva e non: 12,5 km di lunghezza con dislivello positivo di 600 metri. Seguono (domenica 24 febbraio), il XXVII "Raduno sci-alpinistico della Campigna" e (domenica 10 marzo) la XV "Ciaspolata e pescatori a Campigna", targa “Campigna in Inverno” al gruppo più numeroso. Si uscirà con le ciaspole, accompagnati da esperte guide, su due tipologie di percorso: "media difficoltà" e "facile, per tutti". Ulteriori informazioni presso l'ufficio informazioni del Parco nazionale, al numero 0575. 503029.

Redazione Nove da Firenze