Mugello, treni in ritardo: la segnalazione rilanciata dal presidente della comunità

Una lettera arriva alla Direzione regionale dopo le segnalazioni dei pendolari


I pendolari mugellani in una nota di pochi giorni fa riportano un lungo elenco di treni che hanno accumulato considereveoli ritardi sulla linea Faentina. 

Stamani l'ultimo episodio segnalato in ordine di tempo, con il treno delle 8.01 Borgo-Firenze soppresso per guasto.

Il comitato pendolari segnala dal 1 giugno al 15 luglio una serie di ritardi di 15-20 minuti, di 30-40 minuti e oltre, indicando per ciascun episodio codice del treno e orario. Tra i disagi, anche il sovraffollamento dei convogli e sistemi di condizionamento dell'aria non funzionanti.

Il presidente dell'Unione dei Comuni del Mugello Paolo Omoboni ha voluto portare tale situazione all'attenzione della Direzione regionale di Ferrovie. Lo ha fatto con una lettera nella quale si richiamano le segnalazioni dei pendolari e si afferma: “Vogliamo portarle alla Sua attenzione anche noi istituzioni locali, perché crediamo fortemente nel servizio di trasporto ferroviario e questo territorio ne ha più volte ribadita l'importanza, ne ha sostenuto la promozione. Questi ripetuti problemi - continua - non restituiscono certo una buona immagine del servizio. E comportano disagi ai pendolari che lo usano per lavoro, come anche ai turisti che si spostano tra il Mugello e Firenze”. 

Chiosa il presidente Omoboni: “Crediamo che verso gli utenti che ogni giorno scelgono il treno per muoversi occorra più attenzione. La Regione ha investito notevoli risorse e, a nostro avviso, bisogna continuare a farlo. Siamo sempre più convinti che occorra puntare sul treno e la ferrovia come sistema di mobilità principale per le persone. Un sistema efficiente, competitivo. Sia come materiale rotabile, sia come corse e orari”.

Redazione Nove da Firenze