Maltempo: continua fino a domani sera l’allerta della Protezione civile

Attenzione soprattutto alla formazione di ghiaccio. L'Appennino cooperto dalla neve: fine settimana con sci e ciaspole


È ancora allerta per il maltempo. Il Centro funzionale della Regione Toscana-Sala meteo Lamma ha infatti confermato fino alle 18 di domani una nuova allerta per le precipitazioni che, con l’abbassarsi delle temperature, nelle quote collinari potrebbero anche essere nevose. Attenzione soprattutto nelle ore serali, nella notte e nelle prime ore della mattina quando la pioggia sulle strade potrebbe trasformarsi in ghiaccio. Per questo dalla Sala Operativa della Protezione civile arriva l’invito alla massima cautela negli spostamenti nelle zone a rischio ghiaccio.

Sono previsti per oggi rovesci nevosi sparsi possibili su tutto il territorio a quote collinari (400-500 m.) fino a quote inferiori in occasione delle precipitazioni più intense (200-300 m.), in particolare nelle zone interne. Accumuli previsti tra poco abbondanti e abbondanti in collina. Domani, già dalle prime ore della notte, ancora precipitazioni nevose a prevalente carattere di rovescio con quota neve che nelle zone interne potrà temporaneamente raggiungere i fondovalle. Previsti accumuli generalmente poco abbondanti in pianura, tra poco abbondanti e abbondanti in collina. Province interessate: Arezzo, Firenze, Grosseto, Lucca, Pisa , Pistoia, Prato, Siena.

Come da previsioni la neve è tornata a cadere sulla montagna toscana. Nel fine settimana piste perfette per sciare anche con un po’ di sole domenica. Si può finalmente dire che la stagione invernale è entrata nel vivo. 

A Firenze la macchina della Protezione civile è comunque pronta a intervenire, insieme alla Polizia Municipale e Quadrifoglio, per l’eventuale spargimento di sale nelle zone più a rischio per la formazione del ghiaccio. Si ricorda infine che è in vigore il provvedimento che prescrive per le auto, in caso di nevicate o formazione di ghiaccio sulle strade, l’obbligo di circolare sul territorio comunale con pneumatici da neve o con catene a bordo.


Nell’ambito di un lungo sopralluogo nelle zone del comprensorio pistoiese dove si sono registrate le maggiori criticità in seguito alle precipitazioni della notte tra il 29 e il 30 gennaio il Presidente del Consorzio Marco Bottino ha visitato la cassa di espansione in località Querciola, nel Comune di Quarrata. “Ho constatato come la cassa abbia già cominciato a svolgere la propria funzione, seppur ancora non collaudata - ha commentato Bottino - La molta acqua invasata durante la notte ha reso evidente quanto sia importante quest’impianto per la sicurezza idraulica di un territorio fragile come quello del Comune di Quarrata. In attesa del termine ultimo dei lavori che, tempo permettendo, dovrebbe avvenire entro il prossimo 15 marzo, intanto oggi mi è parso di notare una minore sofferenza rispetto al passato delle zone intorno al fosso Quadrelli e nella zona degli Olmi, che in passato, quasi ogni volta che pioveva intensamente finivano sott’acqua. Nessuna segnalazione ci è pervenuta infatti da quelle zone e e speriamo che questa resti una costante che si ripeta nel tempo. Sono inoltre contento di aver trovato la cassa già occupata dai suoi futuri abitanti, aironi e garzette, che sembravano a proprio agio nell’aver trovato una nuova area umida”.

Il Presidente Bottino durante il sopralluogo presso la Cassa di espansione Querciola

Redazione Nove da Firenze