Livorno: sequestro di tre tonnellate di cocaina su una nave

A Firenze nasconde la droga nella cappa della cucina e viene arrestato


Firenze 28.02.2020.- Ieri al porto di Livorno si è assistito ad un sequestro record di 3.3 tonnellate di cocaina dirette a Marsiglia.

"Oltre ai complimenti alle autorità inquirenti ed alle forze dell'ordine Francesi ed Italiane, come Fondazione Caponnetto non possiamo non ricordare che da anni chiediamo un maggiore controllo dei porti toscani con in primis quello di Livorno. Il nostro ultimo intervento risale alla relazione del 3 gennaio 2020. Il porto di Livorno, ma non solo - abbiamo scritto e detto nel corso di una conferenza stampa -, sarà un osservato speciale nel 2020. Non è possibile avere paura di affrontare la questione che se un porto è usato per i traffici internazionali di droga significa che è in parte controllato dall'organizzazione criminale – la ‘ndrangheta nel caso di Livorno - che lo usa per non mettere a rischio il proprio investimento. Colpevole non affrontare il problema. Non abbassiamo la guardia!" dichiara Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Antonino Caponnetto.

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ieri sera la Polizia di Stato ha arrestato a Firenze un cittadino albanese di 38 anni. Una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine Toscana lo ha sorpreso intorno alle 21.30 in via Pistoiese con in tasca 5 grammi di cocaina. Gli Agenti sono andati a fondo nella vicenda, scoprendo nella sua abitazione, in zona Statuto, altra droga nascosta in più parti dell’abitazione, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Oltre ai 5 grammi scoperti in strada, la Polizia ha sequestrato altri 85 grammi di cocaina e 12 di marijuana. Parte della droga era nascosta nella cappa della cucina dell’appartamento.

Redazione Nove da Firenze