Le Chiavi della Città 2019: 450 progetti "fiorentini" nelle scuole

Presentata l'edizione numero 26; offerte formative parallele a quelle curriculari con l'organizzazione e il sostegno del Comune e sponsor privati


Progetti di formazione alla cittadinanza e all’impegno civile oppure sulle tradizioni popolari fiorentine, sull’ambiente, l’artigianato. Sono alcuni fra gli oltre 450 progetti educativi di Le Chiavi della Città, il grande pacchetto di offerte formative parallele a quelle curriculari organizzato e finanziato dall’Amministrazione Comunale (grazie anche a sponsor come Caran d'Ache e CoopLat), per il 26esimo anno consecutivo.

Le Chiavi della Città sono state presentate ieri sera in Via Nicolodi, sede dell’Assessorato all’Educazione che predispone il progetto destinato alle scuole fiorentine: ogni associazione ha avuto la possibilità di presentare le proprie iniziative all’interno di stand allestiti ad hoc. “Le Chiavi della Città sono un progetto seguito con molto interesse da studenti, insegnanti ed educatori di scuole di ogni grado, dagli asili nido fino alle scuole di formazione professionale – ha detto l’assessore all’educazione Sara Funaro – e ogni anno abbiamo numeri di partecipanti in aumento: nel 2017-2018 le classi furono 1.087 e gli alunni 25.400 mentre nel 2018-2019 oltre 1.400 e 36.700 alunni. La nostra scuola è dinamica e dimostra una grande volontà di approfondire sia tematiche di stretta attualità che quelle di notevole interesse storico”. La lista dei settori a cui attingere i progetti è infatti molto ampia: formazione alla cittadinanza e impegno civile, legalità, finanza etica, storia, integrazione e multiculturalismo sono solo alcuni dei temi su cui ci concentrano i programmi. “Fra i progetti quest’anno c’è anche il tema della memoria – spiega ancora Funaro – con lezioni che si svolgeranno all’interno dell’ memoriale di Auschwitz all'Ex 3 a Gavinana. Ma le novità sono molte altre: a partire dalle nuove aree tematiche, come ad esempio l’Imprenditorialità".

Importanti anche le collaborazioni istituzionali che vedono a fianco di partner storici come Fondazione CR Firenze e Portaleragazzi.it anche l’Azienda Usl Toscana Centro con interventi informativi ed educativi di promozione della salute. Prosegue inoltre il partenariato tecnico-scientifico con Indire e le collaborazioni avviate lo scorso anno con la Banca d’Italia e con la Fondazione Zeffirelli. Ma via libera anche a progetti con gli Angeli del Bello e a collaborazioni con la Camera di Commercio di Firenze su tematiche relative al fenomeno della contraffazione. “Investiamo da anni – conclude l’assessore Funaro – e siamo orgogliosi dell’offerta educativa integrativa che proponiamo ai nostri studenti. Un valore aggiunto che è sempre più apprezzato da alunni e insegnanti. Un grazie sentito a tutti, agli uffici del Comune, a tutte le istituzioni e a tutte le associazioni che hanno lavorato al progetto”.

Tutti i progetti possono essere scaricati al link https://www.chiavidellacitta.it/ 

Redazione Nove da Firenze