​La lunga estate calda della Fiorentina di Commisso

Nuova era per la squadra viola? Federico Chiesa, Marko Pjaca, Daniele De Rossi: cosa sta succedendo?


Che la gestione della Fiorentina non sarà una passeggiata Rocco Commisso, nuovo proprietario della squadra gigliata deve averlo compreso sin dalle prime ore. Indubbiamente la società viola che l'imprenditore italo americano ha acquistato dai Della Valle sta passando un'estate di passione visto che la nuova proprietà vuole assolutamente rivedere le dinamiche con cui è stata gestita fino a questo momento la squadra. Al centro dell'attenzione la lunghissima serie di giocatori sotto contratto ma in prestito in giro per l'Europa. E poi ovviamente ci sono i casi Veretout e Chiesa ad animare i titoli di giornali, siti web e trasmissioni televisive, mentre i maggiori bookmakers di scommesse sportive danno, ad oggi, la viola soltanto ai margini della zona Europa League e ad una quota di 500 per la vincente Serie A 2019-2020.

La situazione del centrocampista francese è piuttosto chiara: Jordan Veretout vuole lasciare Firenze ma mentre stiamo scrivendo ancora non se ne consoce la destinazione. Il Milan sembra la squadra favorita ma la Roma parrebbe aver fatto alla società viola un'offerta più vantaggiosa mentre sullo sfondo resta ancora il Napoli. L'accoglienza nei confronti del calciatore da parte dei tifosi viola durante il ritiro di Moena, non è stata assolutamente tenera, tanto che Veretout ha lasciato presto la località trentina. Ci si augura che la cessione possa sbloccare la situazione così da inaugurare la stagione degli acquisti.

Capitolo Federico Chiesa. Da una parte Commisso, il suo braccio destro Joe Barone e l'allenatore Vincenzo Montella, ribadiscono quasi ogni giorno che non c'è alcuna intenzione di cedere il giocatore e di non aver ricevuto alcun tipo di richiesta né dal calciatore né dal suo entourage. D'altro canto però lo stesso Chiesa ed il suo procuratore si sono trincerati in lunghissimo silenzio che ovviamente preoccupa i tifosi viola. Non è un mistero che la Juventus sia molto interessata a Federico Chiesa soprattutto dopo il cambio di allenatore. Maurizio Sarri non ha mai nascosto la sua predilezione verso il calciatore sin dai tempi in cui allenava la compagine del Napoli.

Come si concluderà la vicenda? Davvero troppo presto per dirlo: Commisso non vorrebbe in alcun modo presentarsi alla piazza come il patron che all'indomani del suo insediamento si affretta a cedere il suo gioiello. Difficile però contrastare la volontà del giocatore. Un possibile compromesso potrebbe essere la permanenza per almeno un altro anno in viola con la promessa di cessione per la prossima stagione ma davvero è presto per scommettere su cosa accadrà.

Oltre a Chiesa e Veretout la rosa dei giocatori della Fiorentina è lontana dall'essere definita: sono rientrati a pieno organico ben 28 giocatori ed 11 ne sono usciti soprattutto per via della fine di prestiti sia in entrata che in uscita. Tra le partenze che indubbiamente fanno più male c'è quella di Marko Pjaca. Su di lui c'erano davvero molte speranze ma infortuni e l'incapacità di riprendersi completamente in questa stagione hanno reso davvero fallimentare la sua permanenza a Firenze. Ha fatto quello che ha potuto invece in maglia viola Luis Muriel che tornato alla fine del prestito al Siviglia, è stato poi ceduto all'Atalanta con cui disputerà la prossima edizione della Champions League dopo aver spaventato i bergamaschi nelle semifinali di Coppa Italia che probabilmente lo hanno notato proprio in quelle occasioni.

C'è poi la suggestione Daniele De Rossi. Il centrocampista che ha chiuso la sua lunghissima esperienza con la Roma in modo polemico nei confronti della società, sembrava davvero ad un passo dall' indossare i colori viola per la prossima stagione , ma all'improvviso è arrivato uno stop seguito da una dichiarazione di assoluta disponibilità da parte di mister Montella. In conclusione, è davvero difficile al momento capire se il Campione del Mondo del 2006 farà parte o meno del progetto viola per la prossima stagione.

Redazione Nove da Firenze