"Io Non rischio": la 10° edizione sarà digitale

Domenica 11 ottobre dalle 9.15 alle 17.15, in diretta web e Facebook, buone pratiche e momenti formativi per spiegare il rischio sismico, l'alluvione e i maremoti con approfondimenti su Sisma Bonus, Aree di attesa e dimostrazioni della tavola vibrante


“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Anpas-Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze e ReLUIS-Consorzio interuniversitario dei laboratori di Ingegneria sismica. Quella del 2020 sarà una edizione molto particolare. “Io Non Rischio” infatti, giunto alla sua decima edizione, per la prima volta si svolgerà quasi esclusivamente nelle piazze virtuali della rete e sui social network. Non ci saranno i gazebo nelle piazze, ma i volontari si ritroveranno online per diffondere le buone pratiche di protezione civile e i messaggi di prevenzione sui rischi alluvione, terremoto e maremoto.

L'emergenza sanitaria ancora in corso ha naturalmente richiesto la necessità di ripensare le modalità organizzative della manifestazione , che avrà quest’anno una veste nuova. Per minimizzare la possibilità di assembramenti e per rispettare il distanziamento fisico e sanitario senza rinunciare alla vicinanza sociale, l’edizione 2020 di “Io non rischio” è un’edizione digitale. I consueti luoghi di incontro e condivisione, le piazze, continueranno a esserci, ma prenderanno vita in uno spazio “altro”: lo spazio digitale, appunto. Insieme alle piazze virtuali, in via eccezionale, saranno attive due piazze fisiche: a Castelnuovo Garfagnana (Lu) e a Fivizzano (Ms), in ricordo de sisma di cento anni fa. Le associazioni di volontariato che aderiscono a “Io non rischio” organizzeranno punti d’incontro online, su Facebook, integrando i social media con le piattaforme di meeting a distanza. Le pagine e gli Eventi Facebook saranno i punti di aggregazione digitale, aperti alla partecipazione di tutti i cittadini che vogliano informarsi e condividere le proprie esperienze sui rischi che insistono sui nostri territori e sulle buone pratiche che possiamo adottare per mitigarli.

Attraverso un evento facebook e sul sito della Città Metropolitana di Firenze sono pubblicizzate tutte le piazze digitali realizzate dai Comuni e dalle Associazioni di volontariato del territorio metropolitano, che partecipano alla campagna. Il consigliere delegato alla Prociv della Metrocittà Massimo Fratini, il Sindaco metropolitano Dario Nardella e l'assessore comunale alla Prociv di Firenze Cristina Giachi a sostegno della campagna. 'Io non rischio' è un proposito, un'esortazione che va presa alla lettera. L'Italia è un paese esposto a molti rischi naturali, e questo è un fatto. Ma è altrettanto vero, rileva Massimo Fratini, consigliere delegato alla Protezione civile, che l'esposizione individuale a questi rischi può essere sensibilmente ridotta attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l'adozione di alcuni semplici accorgimenti. E attraverso conoscenza, consapevolezza e buone pratiche poter dire, appunto: "Io non rischio". La Città Metropolitana di Firenze promuove tra l'altro 'iRisk?', un progetto del Servizio Protezione Civile della Metrocittà finalizzato a comprendere quali siano i rischi che corriamo. Il primo passo è conoscerli: inserendo su https://metrofipc.it/inr/ l'indirizzo dell'abitazione, della scuola o del posto di lavoro,verrà prodotta una scheda riepilogativa dei rischi naturali o antropici del luogo scelto, la localizzazione delle aree di attesa più vicine e tante altre informazioni utili. Il Secondo è informarsi su come affrontarli e la campagna 'Io Non Rischio!' viene incontro proprio a questa esigenza.

Montelupo Fiorentino sabato 10 ottobre 2020 alle ore 11.00, presso la sede del Centro Operativi Intercomunale di Protezione Civile dell'Unione dei Comuni C.E.V. si svolgerà una manifestazione di ringraziamento per tutte le Organizzazioni di Volontariato e le Associazioni di Promozione Sociale, che hanno svolto interventi sul territorio dell'Unione nel periodo di lockdown a causa delle grave emergenza COVID-19 in stretta collaborazione con la Protezione Civile territoriale.

Anche la piazza digitale di Prato potrà essere seguita sul web grazie alla collaborazione fra il Comune di Prato e le associazioni di volontariato del territorio che hanno aderito all'iniziativa: Croce Rossa Italiana Comitato di Prato, Associazione Volontari Centro di Scienze Naturali, Pubblica Assistenza l'Avvenire Prato, Emergens Onlus Prato, ANC - Associazione Nazionale Carabinieri, Misericordia Prato, VAB Prato. La manifestazione della piazza virtuale pratese, che potrà essere seguita in diretta sul profilo Facebook del Comune di Prato e nei profili Facebook e siti internet ufficiali delle varie associazioni coinvolte, prevederà momenti formativi, la possibilità di fare domande agli esperti, spiegazioni delle buone pratiche e comincerà alle 9.15 con il saluto del capo della protezione civile e prevederà, tra le numerose iniziative, alle 12 la diretta Facebook con il sindaco Matteo Biffoni, alle 13 l'intervento a cura del Comune di Prato con il responsabile del tavolo del Sisma Bonus che darà indicazioni su come poter richiedere il Bonus 110%. Alle 13.15 le associazioni presentano “le aree di attesa sicura” del Comune. Ci sarà anche un videoclip di 7 minuti realizzato dai geofisici toscani di INGV che mostrerà la tavola vibrante in azione su due immobili, il primo sottoposto ad interventi anti-sismici e il secondo no. La giornata si concluderà alle 17.15 con i saluti delle associazioni e la chiusura della manifestazione da parte del Comune.

Per ‘raggiungere’ la piazza virtuale di Pisa invece basta cercarla sull’apposita mappa predisposta per l’evento. I cittadini potranno così avere tutte le risposte su cosa sapere e cosa fare in caso del verificarsi di rischi contemplati dal piano (alluvione, terremoto, incidenti aereo e ferroviario, ecc.).

Torna anche a San Quirico d’Orcia, domenica 11 ottobre, la campagna nazionale promossa dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sui rischi terremoto, maremoto ed alluvione. A San Quirico tanti appuntamenti online – dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 - sulla pagina facebook del Gruppo Protezione Civile San Quirico d'Orcia. Alle 16 ci sarà la presentazione del "Piano intercomunale" della Protezione civile. I volontari di protezione civile incontreranno i cittadini in luoghi ricreati sul web, con materiali informativi e comunicativi riproponendo le stesse modalità che hanno portato in questi anni a confrontarsi nelle piazze dei nostri paesi e delle nostre città e conoscere in modo più approfondito i rischi ed i comportamenti più corretti di autoprotezione da mettere in pratica.

Redazione Nove da Firenze