Il presidente Giani ha incontrato l’ambasciatore dell’Azerbaijan

Accolta con favore la proposta di un ‘gemellaggio’ tra Toscana e territori azeri nel segno della cultura


Il presidente della Toscana Eugenio Giani ha incontrato nel pomeriggio l’ambasciatore in Italia dell’Azerbaijan Mammad Ahmadzada. Il colloquio è durato una ventina di minuti: il diplomatico caucasico, che si è felicitato per il recente insediamento di Giani alla guida della Toscana, ha ricordato i consolidati rapporti commerciali con l’Italia, di cui l’Azerbaijan è il principale fornitore di energia (oggi petrolio e in futuro anche gas), mentre il presidente Giani ha accolto con favore la proposta di un ‘gemellaggio’ tra Toscana e territori azeri nel segno della cultura.

Durante l’incontro, che era stato richiesto dall’ambasciatore azero, il presidente toscano si è informato sull’andamento della pandemia Covid-19 in Azerbaijan, che contava all’inizio meno di 600 casi al giorno, su un popolazione di oltre dieci milioni di abitanti, diventati oggi più di mille e duecento. L’ambasciatore ha ricordato le donazioni che dal suo Paese hanno beneficiato, durante l’emergenza coronavirus, gli ospedali Spallanzani e Sacco di Milano, nonché la visita del proprio presidente in Italia a febbraio che si è conclusa con la firma di ventotto accordi. L’economia della nazione caucasica ha marciato negli ultimi anni a tassi di sviluppo elevati, fino a picchi del 36 per cento in un anno. Il 2020 doveva essere l’anno della cultura dell’Azerbaijan in Italia: purtroppo quasi tutti gli eventi in programma, per l’emergenza sanitaria in atto, sono stati cancellati.

La visita si è conclusa con un reciproco scambio di doni: il diplomatico ha regalato al presidente della Toscana un romanzo che racconta sula sfondo l’Azerbaijan oggi mentre la Regione l’ha omaggiato con un cofanetto di prodotti officinali e profumi fiorentini. 

Redazione Nove da Firenze