Domani Hiromi in trio all’Estate Fiesolana

A Villa della Petraia concerto dell'ORT


Per la sezione jazz dell’Estate Fiesolana, giovedì 2 luglio al Teatro Romano di Fiesole (via Portigiani) sarà in programma il concerto della star nipponica Hiromi, per la prima volta a Firenze con il suo Trio Project, accompagnata da Anthony Jacksonal basso e Simon Phillips alla batteria. Hiromi Uehara è tra le più talentuose protagoniste della nuova scena jazz mondiale: a soli 7 anni ha fatto il suo ingresso nella Yamaha School of Music, a 14 anni ha partecipato alla Filarmonica Ceca e a 17 ha suona to in duo con Chick Corea per diventare poi l’allieva prediletta di Ahmad Jamal. Il suo live mescola jazz, free jazz, con incursioni nel rock e nella fusion. Instancabile e vulcanica, Hiromi presenterà un set che spazierà da Bach ad Oscar Peterson, dai King Crimson agli Sly & the Family Stone. Dice Hiromi a proposito del live di Fiesole: “Mi piace sempre venire a suonare in Italia, principalmente perché il pubblico è così appassionato e musicale, ma anche per le meraviglie che ho incontrato nel vostro paese, la varietà delle bellezze naturali, lo splendore storico delle vostre città, la simpatia delle persone e ovviamente il cibo. Questa sarà la mia prima volta a Fiesole e avendo visto le foto del teatro romano mi sento davvero eccitata dall’idea di poter suonare in un luogo così antico che sono sicura ispirerà moltissimo me e il mio trio. Con questa formazione, suono dal 2011 e più suoniamo insieme e più miglioriamo, ci capiamo meglio, e questo porta a una meravigliosa chimica musicale. Suoneremo canzoni dall’ultimo cd Alive e alcune canzoni dai dischi precedenti. Durante i nostri concerti amiamo improvvisare molto, così che ogni volta troviamo nuovi modi di viaggiare nell’universo musicale. Per me la fascinazione irresistibile della musica consiste nell’essere un universo, e come l’universo questo si espande. Non ho mai considerato il problema di infilare la mia musica in qualche categoria, io suono la musica che conosco e che amo, senza distinzione di genere, e metto le mie abilità tecniche al completo servizio dell’ispirazione, perché non può esserci buona musica senza una reale passione per la musica stessa”. Ingresso all’evento: I Settore intero euro 26,00 / ridotto euro 24,00, II Settore intero euro 22,00 / ridotto euro 20,00.

Si è inaugurata lo scorso giovedì 25 giugno, la collaborazione tra la Fondazione ORT e la Villa della Petraia, villa cinquecentesca, ritenuta una delle più belle e celebrate ville medicee, patrimonio Unesco dal 2012. Continua l'appuntamento domani sera giovedì 2 luglio con il secondo e ultimo concerto alla Villa che vedrà l'Orchestra della Toscana esibirsi in musiche di Vivaldi, Martini, Telemann e Mozart. Per l'occasione salirà sul podio Federico Ferri, direttore bolognese specializzato soprattutto nel repertorio barocco, nella riscoperta e valorizzazione del repertorio dimenticato così come avvenuto con la ricerca filologica nell’ambito del ‘600-‘700 italiano. Si occupa, tra gli altri, dell’opera strumentale di Giovanni Battista Martini, maestro di Mozart, della quale sta realizzando l’edizione critica per Suvini-Zerboni eseguita ed incisa con l’Accademia degli Astrusi, di cui è direttore musicale. Ad accompagnare la formazione toscana, la giovanissima flautista Giulia Breschi solista nel Secondo Concerto per flauto dolce e orchestra di Vivaldi e nel Concerto per flauto dolce e fagotto di Telemann al fianco del primo fagotto dell'ORT Paolo Carlini. La vera novità è la visita guidata alla Villa prima del concerto dalle ore 20.30 in poi, alla quale chiunque dotato di biglietto potrà accedervi. Il concerto, organizzato grazie alla collaborazione con il Polo Museale Regionale della Toscana ed allestito all’interno del cortile coperto e avranno inizio sempre alle 21.30. I biglietti sono già disponibili in prevendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi (Via Ghibellina 99r con orario dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19); la vendita proseguirà dalle ore 20.00 a Villa Petraia il giorno stesso del concerto. Inoltre, a partire dalle ore 20.30, il pubblico che assisterà al concerto avrà l’opportunità di visitare gli appartamenti della villa grazie a brevi visite a cura e accompagnate dal personale della villa.

Redazione Nove da Firenze