Guai giudiziari per l'immobiliarista Salvatore Leggiero: imbarazzo a Firenze

Da un mese è agli arresti domiciliari per l’indagine sul crac della Banca Popolare di Bari. Perché i giornali della nostra città non se ne interessano?


Coinvolto nell’indagine sulla Banca Popolare di Bari è stato arresto il 1 ottobre 2020 Salvatore Leggiero, titolare della Leggiero Real Estate, in passato protagonista di discusse operazioni immobiliari a Firenze. il suo nome è nell'elenco degli indagati finiti ai domiciliari su richiesta del procuratore Roberto Rossi e dal pm Lanfranco Marazia per l'inchiesta giudiziaria sulla Popolare di Bari. E' trascorso più di un mese, ma Firenze sembra continuare a ignorare la sorte dell'immobiliarista cresciuto a gran velocità negli anni scorsi con acquisti di tanti palazzi in centro. Leggiero è accusato di concorso in bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Secondo l'accusa la Popolare di Bari ha finanziato molte sue iniziative, tra cui l'acquisto di un intero palazzo a poche decine di metri da Fontana di Trevi.

E' sorprendete che a distanza di settimane on line si trovino poche tracce della notizia, soprattutto se si cerca sotto la testata dei principali quotidiani della nostra città. Forse è Firenze c'è grande imbarazzo tra coloro che lo hanno frequentato sino a ieri? Eppure l'Espresso on line gli ha dedicato un dettagliato servizio giornalistico.

Risale a una decina di anni fa la vicenda del Giardino Nidiaci, che una società immobiliare di Leggiero, Amore & Psiche, sottrasse alla fruizione pubblica di cui godeva grazie a un quasi secolare comodato d'uso, per trasformarlo nel parcheggio condominiale di un edificio di sua proprietà. In quell'occasione l'Amministrazione comunale fu accusata di non mettere in atto tutti gli strumenti amministrativi, giuridici e politici per assicurare alla comunità dell'Oltrarno la piena disponibilità dei locali della Ludoteca di Via della Chiesa e della superficie integrale del Giardino Nidiaci.

Per dare un'idea della dimensione degli interessi fiorentini di Leggiero basti menzionare il fatto che controlla la proprietà dell'immobile dell'ex hotel Majestic, quel colosso di cemento abbandonato che sovrasta piazza dell'Unità, a pochi metri dalla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella.

In anni recenti Salvatore Leggiero si è distinto come sponsor dell'Orchestra da Camera Fiorentina fondata e diretta dal Maestro Giuseppe Lanzetta. in quella veste ha partecipato anche a una conferenza stampa a Palazzo Vecchio in presenza dell’Assessore Bettarini. Si tenga presente che il marchio della sua holding compariva sulla locandina della rassegna musicale accanto ai loghi degli enti patrocinanti come la Regione Toscana ed il Comune di Firenze, oltre alla Città Metropolitana ed il Ministero dei Beni Culturali.

Ultimamente anche gli ex soci hanno cercato di prendere le distanza da Leggiero, annusando la malaparata. Ma adesso a provare imbarazzo per la sua frequentazione sono pure ai piani alti della città, in ambiente politico e amministrativo.

Nicola Novelli