​"Gravissimo stop a screening oncologici per dare precedenza a Coronavirus"

Stella (FI): "Non si gestisce così la sanità. Mancano centinaia di medici e infermieri, la Regione li assuma"


Firenze, 12 novembre 2020 - "E' gravissima la situazione che si sta verificando in Toscana, con il blocco de facto di screening e visite oncologiche. Non regge la giustificazione che il personale medico e sanitario è impegnato nel combattere il Coronavirus: la sanità assorbe quasi l'80% del bilancio regionale, solo nel sistema di emergenza-urgenza in Toscana mancano almeno 300 medici, e centinaia di infermieri. La Regione faccia assunzioni e remunerazioni adeguate per chi lavora in prima linea, non è possibile andare avanti sotto organico". Lo chiede il presidente del Gruppo Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella.
"Invito tutte le Istituzioni e la Regione Toscana a prendere sul serio il preoccupato appello del direttore dell'Ispro, Gianni Amunni - sottolinea Stella - che ha detto che 'il virus passerà, ma il cancro rimane' e che 'non bisogna bloccare l'attività, qualunque sia la situazione epidemiologica'. Lo screening oncologico è fondamentale, prevenire salva la vita. E allo stesso tempo è fondamentale andare avanti con gli interventi chirurgici. E' folle e impensabile bloccare queste operazioni. Il blocco o comunque il rallentamento di visite e interventi, denunciano gli esperti, porterà a un futuro eccesso di mortalità, da verificare nei prossimi mesi e anni".
"La situazione è drammatica, e non si può perdere un solo giorno - è l'invito del capogruppo di Forza Italia -. Nelle 12 settimane di lockdown della primavera scorsa, secondo i report sviluppati dall'Agenzia regionale di sanità, in Toscana sono stati effettuati complessivamente 86.400 interventi chirurgici in meno, e questo ha prodotto sicuramente una criticità di cui rischiamo di vedere le conseguenze. Questo non va bene, non possiamo ripetere gli errori di sette mesi fa. Chiediamo al Presidente Giani di fare celermente assunzioni nella sanità e di consentire al sistema sanitario toscano di girare a pieno regime".

Redazione Nove da Firenze