Gran Premio di F1: domani la gara in mondovisione

Al Mugello una grande organizzazione e massimo rispetto delle misure anti Covid-19. L'opportunità per il mercato turistico locale


Firenze– Motori accesi da ieri all’evento mondiale “Gran Premio della Toscana- Ferrari 1000” presso il Circuito del Mugello a Scarperia. Una media di 91,5 milioni di spettatori per gara (dati 2019), che vede il coinvolgimento di 100 tv broadcasters in 190 Paesi, 2155 ore tv per ogni gara, 55 tv e 305 giornalisti accreditati, con un sito web Formula 1 che vede 98 milioni di visualizzazioni/mese e 4 canali social di Formula 1 che registrano oltre 28 milioni di follower. A questi dati si aggiungono i 3 canali social di Scuderie Ferrari con oltre 14 milioni di follower, e i canali web e social dell'Autodromo del Mugello con 1,5 milioni di visualizzazioni/mese e circa 500.000 follower.

La Formula 1 al circuito del Mugello è un evento mediatico senza precedenti. Un’occasione unica per promuovere il territorio ad una platea internazionale collegata in diretta da tutto il mondo, con un seguito di 190 Paesi collegati e un'importante presenza di stampa internazionale. Toscana Promozione Turistica, su input della Regione e in collaborazione con il Circuito e gli altri enti del territorio, non si è fatta sfuggire l’occasione: nome del Gran Premio (Toscana, appunto) ed un piano di comunicazione turistica di primo livello, che accompagna il racconto sportivo in mondovisione. Il brand “Toscana” viene dunque scolpito nell’Albo d’oro della Formula 1, peraltro accanto al GP numero 1000 della Ferrari, in questi giorni negli occhi di milioni di telespettatori. La promozione del brand di destinazione non poteva avere un volano migliore e tutta la promozione punta su Visittuscany.com, dove sono presenti anche le proposte degli operatori turistici. Il contenuto della promozione e dunque degli strumenti messi in campo, in particolare i contenuti editoriali per le TV, contenuti social e web, è la Toscana, con specifico riferimento alle destinazioni Mugello, Firenze e area metropolitana di Firenze. A dare il via al piano di marketing la volontà della Regione e una convenzione con Città Metropolitana di Firenze e Comuni del Mugello, che hanno dato mandato a Toscana Promozione Turistica di muoversi in accordo con il Circuito del Mugello. Nello specifico, l’accordo con la società di gestione dell’Autodromo del Mugello ha previsto:

  • utilizzo in tutta la comunicazione ufficiale dell’evento dell’event name ‘Gran Premio della Toscana’ (in versione italiana e/o inglese) e veicolazione del naming attraverso i canali ufficiali della manifestazione e sui materiali prodotti da Formula 1,
  • brandizzazione di ampia superficie ad altissima visibilità su tutto il circuito,
  • passaggi video nei maxischermi del circuito,
  • promozione della destinazione turistica Toscana sul programma ufficiale dell’evento,
  • attività di ufficio stampa e attività social prima, durante e post evento.

A integrazione della copertura televisiva e mediatica dell’evento in Italia e nei principali paesi europei per ascolti e target (Italia, Germania ed Uk), Toscana Promozione Turistica ha previsto un piano media straordinario con la programmazione di spot TV e Radio su: Sky Italia, Tv8, Radio Rai, Germania Sky Sat, Rtl, NTV, Sky Uk. Oltre alla programmazione degli spot, sono previsti servizi redazioni sulla Toscana e sui territori coinvolti dall’evento durante le dirette Sky e Tv8 ed il coinvolgimento dei canali social delle emittenti. Infine la "cartolina della Toscana", un ritratto della nostra Regione realizzato dalla regia internazionale e distribuito in diretta alle TV di tutto il mondo nel momento di massimo ascolto, poco prima dei semafori verdi. Essendo la Formula 1 particolarmente conosciuta e seguita dal popolo cinese, in concomitanza al lancio dell'account ufficiale di WeChat della destinazione Toscana, Toscana Promozione Turistica dedica le pagine di apertura all'evento e investe in una pubblicità' dedicata durante la diretta video sul canale sport di Tencent su WeChat collegata al canale della Toscana, inserendo nell'account ufficiale tutte le informazioni per raggiungerla e le attività ed i luoghi più' interessanti da visitare e vivere.

Per il direttore dell’agenzia regionale del turismo l'operazione promozionale in occasione del Gran Premio della Toscana si configura all'interno di una più ampia e consolidata strategia di riposizionamento della destinazione mirata a nuovi target e nuove motivazioni di viaggio. Si tratta infatti di un'azione di comunicazione finalizzata a promuovere e consolidare la Toscana come brand globale, attraverso la grande esposizione mediatica del nome del Gran Premio "di Toscana" e "of Tuscany" per incrementare il valore e il richiamo al territorio della parola Toscana.

Per l’assessore regionale al turismo questo straordinario evento offre l'opportunità di una grande visibilità internazionale in termini turistici e con notevoli declinazioni innovative. E’ anche l’occasione per consolidare l’ospitalità dei territori coinvolti animati dalle eccellenze e dalle bellezze naturali dell'entroterra e promuovere l'intera regione Toscana. Una spinta ulteriore per tutto l’indotto, in questo momento difficile dove c’è bisogno di rafforzare la rete economica.

Inoltre tra i primi paesi in termini di audience della Formula 1, si riscontrano i paesi target del turismo in Toscana a livello Europeo e intercontinentale su cui puntano le strategie promozionali e numerose attività business to business.

Mugello Circuit ha ottenuto la certificazione ISO 20121, standard internazionale che definisce i requisiti di un sistema di gestione sostenibile degli eventi. La certificazione di Mugello Circuit come “location” è relativa al seguente campo di applicazione: “Organizzazione di manifestazioni sportive e motoristiche; organizzazione di convegni, manifestazioni culturali, eventi musicali e shooting fotografici presso Mugello Circuit.”; l’attività di audit e rilascio del certificato è stata svolta dell’ente di certificazione TÜV NORD Italia. Ad oggi l’Autodromo del Mugello è l’unico circuito al mondo certificato secondo il sistema di gestione sostenibile degli eventi ISO 20121. Lo standard si applica alle attività legate agli eventi ospitati ed è la testimonianza dell'impegno di Mugello Circuit nell’attuare un sistema di gestione responsabile e sostenibile, in aggiunta al sistema integrato già in essere da alcuni anni secondo ISO 9001, ISO 14001, EMAS e OHSAS 18001. Mugello Circuit è stata supportata dalla società RIGHT HUB, specializzata nella progettazione e organizzazione della gestione sostenibile degli eventi nel settore motorsport. La gestione sostenibile include, a titolo di esempio non esaustivo, i seguenti aspetti:

  1. Raccolta differenziata dei rifiuti e riciclo dei materiali (Economia Circolare);
  2. Efficienza energetica;
  3. Biodiversità;
  4. Mobilità;
  5. Salute e sicurezza dei lavoratori;
  6. Accessibilità delle persone con disabilità;
  7. Lotta allo spreco alimentare;
  8. Sviluppo del territorio.

L’obiettivo di questo traguardo è anche quello di coinvolgere e influenzare tutti gli stakeholder coinvolti (organizzatori, Federazioni, clienti, dipendenti, fornitori, piloti, team, ospiti, media e comunità) ad assumere corretti comportamenti durante gli eventi organizzati presso le strutture del circuito. Inoltre, Mugello Circuit ha voluto far espressamente riferimento nella sua politica di sostenibilità ai più ampi obiettivi 2030 di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals - UN), il cui raggiungimento rappresenta una sfida globale piena di opportunità e benefici per il futuro.

All’evento sono presenti automediche con medici e infermieri del 118 Firenze-Prato, insieme alle squadre di soccorso BLSD con volontari della Misericordia di Firenze. Le comunicazioni di soccorso vengono gestite da un mezzo logistico che svolge la funzione di Centrale Operativa Stand Alone, collegata con la CO118 Firenze Prato. Tutto il personale dedicato al soccorso sanitario indossa gli idonei dispositivi di protezione individuale (DPI) previsti dalle procedure aziendali in vigore. Per la particolarità dell’iniziativa è stato redatto il piano sanitario aziendale secondo i criteri del metodo Sismax (sistema integrato di soccorso in maxi emergenza) adottato dall’Asl Toscana Centro e dalla Regione Toscana come metodo di gestione delle maxiemergenze, che per le sue caratteristiche di semplicità, modulabilità e friuibilità è in grado di gestire anche eventi programmati. L’Azienda USL Toscana Centro ha affidato la gestione dell’evento al Coordinamento Maxiemergenze ed eventi a carattere straordinario diretta dal dottor Federico Gelli ed al Coordinatore del Team Maxiemergenze dottor Alessio Lubrani,nonché ideatore del metodo Sismax.

“ Sono soddisfatto di dare il nostro contributo per la messa in sicurezza di un evento di risonanza mondiale- dichiara Federico Gelli- La struttura da me diretta è a servizio della comunità non solo per situazioni di maxiemergenza, intesa in senso lato, ma anche per i grandi eventi, come questo, uno dei più importanti per il nostro territorio. L’iniziativa è anche un segnale di ripresa di attività sportive dopo un periodo di fermo, a causa dell’emergenza Covid-19.”

Il piano prevede un servizio sanitario aggiuntivo, autonomo, ma sinergico con quello già previsto dal Circuito del Mugello, per la zona “paddock e circuito” detta “bolla” con un coordinamento strategico delle operazioni sanitarie sul posto, tramite il Gruppo Operativo Sicurezza (GOS) costituito per la parte sanitaria dal Direttore delle Maxiemergenze Asl Centro e dal Coordinatore dello stesso Team ed una gestione dell’emergenza sanitaria nelle zone di pertinenza assicurata da medici e infermieri del 118 insieme a squadre di soccorritori di livello avanzato. In occasione del Campionato Mondiale FIA di Formula Uno, compatibilmente con le normative Covid-19, il Circuito può ospitare un numero limitato e contingentato di pubblico, disposto sulle sole tribune con posti assegnati e distanziati. La capienza massima è ridotta 2884 persone. Posti limitati anche per persone diversamente abili. Agli ingressi sono presenti dispositivi termo scanner per la valutazione della temperatura corporea.

Redazione Nove da Firenze