Rubrica — Mostre

Galluzzo, la Certosa riapre sabato 23 maggio

Appuntamento alle 15. Molte novità proposte dalla Comunità di San Leolino tra cui giochi interattivi per i ragazzi e possibilità di far merenda anche con gelati all'aperto, nei giardini del monastero. Domenica alle 11 Messa in Pinacoteca


Sabato 23 maggio dalle ore 15.00 il complesso della Certosa di Firenze riapre i propri spazi alla città (sabato 23: ore 10-18; domenica 24: ore 15.00-18.00). Lo si legge nella pagina Facebook della Certosa stessa. 5000 mq all'aperto, al Galluzzo, per un pomeriggio tra storia, arte e giochi in famiglia. 

"Saranno molte - si spiega - le novità dovendo rispettare le prescrizioni governative legate al contenimento del contagio da virus Covid-19. Un percorso individuale attraverso i capolavori artistici del complesso museale, fruibile con dispostivi cellulare o Tablet attraverso QRCode da scaricare nelle sale della visita. Giochi interattivi per i ragazzi e la possibilità di acquistare merenda e gelati da consumarsi nelle aree esterne e nei giardini del monastero, o di gustare prodotti di qualità (marmellate, liquori della Certosa…).
La Comunità di San Leolino ha deciso di aprire gli spazi della Certosa di Firenze dopo due mesi di chiusura per promuovere la qualità, la cultura e la conoscenza di questo luogo Sacro e contemporaneamente lasciare la possibilità ai visitatori di passeggiare tra i chiostri e i giardini del complesso, di trascorrere una giornata in famiglia, nel pieno rispetto delle regole di distanziamento sociale ed in sicurezza.
Gli ingressi saranno scaglionati per evitare code o assembramento all’ingresso. 

Dopo i momenti di forte preoccupazione e fermo forzato, visitare gli spazi del monastero sarà un momento di riflessione per un ritorno alla normalità.
La celebrazione della S. Messa domenicale riprenderà domenica 24 alle ore 11.00, nella Pinacoteca, nella speranza di poter proporre appena possibile le iniziative già previste, tra cui un convegno di studi dedicato a Luigi Pareyson, gli incontri di spiritualità sulla mistica francese Marthe Robin, numerosi concerti, spettacoli di teatro e altro ancora". 
Per info: 055-204.92.26 certosadifirenze@gmail.com www.certosadifirenze.it

Redazione Nove da Firenze