Rubrica — Spettacolo

Firenze intitola una strada a Fedora Barbieri regina del melodramma

L'annuncio della vicepresidente del Consiglio comunale Giuliani nel giorno in cui la celebre mezzosoprano avrebbe compiuto 100 anni. "Per l'emergenza sanitaria, con il figlio Ugo Barlozzetti, abbiamo deciso di rimandare all'autunno il dovuto ricordo". Un francobollo per celebrarla


“Oggi avrebbe compiuto 100 anni Fedora Barbieri. La mezzosoprano – ricorda la vice presidente del Consiglio comunale Maria Federica Giuliani – contesa dai più grandi direttori d’orchestra e che incantò anche il Maestro Arturo Toscanini che la volle per il cinquantenario verdiano a New York, dove si esibì nel Requiem, sia al Metropolitan che al Carnegie Hall. Il Requiem era un suo cavallo di battaglia e lo interpretò anche a Firenze, in piazza SS. Annunziata, davanti al Sindaco Giorgio La Pira che ne rimase estasiato. Dispiace solo di non poter degnamente ricordare questa grande artista nel giorno del centenario a causa dell’emergenza sanitaria ma col figlio, Ugo Barlozzetti figura di riferimento della cultura fiorentina ed anima di queste celebrazioni, è stato deciso di rimandare il dovuto ricordo al prossimo autunno. A Fedora Barbieri l’amministrazione comunale intitolerà una strada vicino al nuovo Teatro del Maggio Musicale Fiorentino – aggiunge la vice presidente del Consiglio comunale Maria Federica Giuliani – e a lei sarà dedicato un convegno. Intanto il suo pianoforte è già stato trasferito al Conservatorio e verrà emesso un francobollo per celebrarla. Regina del melodramma, Fedora Barbieri grande interprete della lirica italiana, è stata diretta anche dal Maestro Franco Zeffirelli. Una diva, una donna che con il suo grande talento ha portato il nome di Firenze nel mondo e che la città ricorda con grande affetto nel centenario della nascita”.

Redazione Nove da Firenze