Firenze alla ricerca di privati per interventi su aiuole e rotatorie stradali

Progetto di adozione, da parte dei privati, di alcune aree verdi della città


Dalle aiuole in viale Fratelli Rosselli, davanti alla Stazione Leopolda, alla rotatoria di via Aretina, dallo svincolo del viadotto di Varlungo alla rotatoria di piazza Gaddi, fino all'isola spartitraffico in largo Brambilla, a Careggi.

Da oggi è on line, sul sito internet del Comune di Firenze l'avviso pubblico che ha individuato 16 luoghi sui quali si potrà intervenire, oltre ad altri siti che gli sponsor potranno individuare in autonomia.

Le aree disponibili
Nel Quartiere 1 sono le aiuole davanti il monumento Porta al Prato e quelle, in viale Fratelli Rosselli, antistanti la Stazione Leopolda. Nel Quartiere 2 la rotatoria in via Aretina Nuova e le isole spartitraffico all'intersezione stradale del Gignoro. Nel Quartiere 3 le aiuole spartitraffico allo svincolo viadotto Varlungo/viale Europa e la rotatoria di via Senese, al Galluzzo. Nel Quartiere 4 la rotatoria in piazza Gaddi. Nel Quartiere 5, infine, le isole spartitraffico all'aeroporto, di via Panciatichi/piazza Mattei, via Ponte di Mezzo/via Dei, le aiuole delle rotatorie in via del Romito/via Cosseria, via Alderotti/largo Brambilla, viale XI agosto/via Luder e di via Panciatichi/via Magellano e l'isola spartitraffico della tramvia dii largo Brambilla.

Sponsorizzazioni tecniche
Sono quelle che prevedono l'assunzione diretta dei lavori da parte dello sponsor. L’offerta dovrà assicurare una qualità architettonica e tecnico-funzionale adeguata al pregio del contesto al quale appartengono le aree di intervento; la conformità alle norme ambientali, urbanistiche e di tutela dei beni culturali e paesaggistici, nonché il rispetto di quanto previsto dalla normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza; la compatibilità geologica, geomorfologica, idrogeologica degli interventi e, infine, l'agevole manutenzione delle realizzazioni. La proposta sarà valutata in base a precisi criteri: qualità, pregio tecnico, caratteristiche estetiche, funzionali, ambientali e paesaggistiche e rapidità di esecuzione degli interventi. Questi tipo di offerta, quindi, dovrà comprendere tutti gli studi necessari per la definizione di questi aspetti oltre agli schemi grafici utili a individuare le caratteristiche dimensionali, volumetriche, tipologiche, funzionali e tecnologiche della realizzazione e le relative stime economiche.

In caso di valutazione di due o più proposte di sponsorizzazione relative alla stessa area, l'apposita commissione procederà all’esame attribuendo punteggi al progetto di riqualificazione (massimo 45 punti), al progetto di sola manutenzione (massimo 15 punti), alla durata del periodo di convenzione (massimo 15 punti) e al valore economico della sponsorizzazione (massimo 25 punti).

Sponsorizzazioni finanziarie
Queste sponsorizzazioni prevedono sia una donazione di denaro che di uno studio di fattibilità tecnica, economica o di progetto.
L’importo di ciascun contratto di sponsorizzazione sarà quello risultante dall’offerta dell’aggiudicatario, maggiorata dell’Iva. Il Comune richiederà agli sponsor il pagamento degli importi emettendo, contestualmente al versamento, fattura. In caso pervenissero due o più proposte di sponsorizzazione relative alla stessa area, la commissione appositamente nominata aggiudicherà il contratto all’offerta economica di maggior importo.

Offerte di sponsorizzazione per aree non indicate nel bando
I soggetti pubblici o privati potranno presentare all’amministrazione proposte di sponsorizzazione tecnica o finanziaria anche per aree non indicate nel bando. L’intervento potrà prevedere, in quanto compatibile, anche la fornitura e posa in opera di attrezzature ludiche e di arredo inerenti le medesime aree. La proposta di sponsorizzazione che abbia un valore economico pari o inferiore a 40mila euro potrà essere accolta qualora ottenga il gradimento della direzione ambiente. Quelle di importo superiore, qualora ottengano il gradimento, dovranno necessariamente scontare la procedura di gara.

Controprestazioni offerte agli sponsor
Il Comune consentirà ai soggetti individuati come sponsor di promuovere la propria immagine, associando nome/marchio/logo/attività/prodotto all’intervento sponsorizzato, sia sui canali del Comune, sia sui canali dello sponsor, sia all’esterno di essi. Tutto ciò limitatamente al periodo di durata del contratto di sponsorizzazione. In particolare i soggetti pubblici o privati aggiudicatari di un contratto di sponsorizzazione potranno apporre manufatti o cartelli pubblicitari sull'area verde oggetto dell'intervento per l’intera durata della sponsorizzazione e secondo quanto previsto dagli appositi regolamenti.

La sponsorizzazione dovrà riguardare la riqualificazione di aree pubbliche e la loro manutenzione per un periodo non inferiore a 24 mesi dalla loro ultimazione, o anche la sola manutenzione. Qualora su una stessa area arrivino proposte sia di sponsorizzazione tecnica che di sponsorizzazione finanziaria, saranno prese prioritariamente in considerazione le offerte di sponsorizzazione tecnica, e solo se queste ultime risultassero non di gradimento saranno valutate le proposte di sponsorizzazione finanziaria.

«L'avviso pubblico per la ricerca di sponsorizzazioni – ha sottolineato l'assessore all'ambiente Alessia Bettini – è uno strumento che si è già rivelato utile per riqualificare, a costo zero per il Comune, porzioni della città importanti, dentro una dimensione di collaborazione reale e virtuosa tra pubblico e privato. Con questo meccanismo di partecipazione i soggetti privati, siano essi società o semplici cittadini, condividono con l'amministrazione un progetto comune: rendere la nostra città ancora più bella e vivibile». 

Redazione Nove da Firenze