Festival dei Semi, a Firenze il 28 e 29 aprile

Oltre 30 associazioni per un agricoltura libera da veleni e da OGM


Agricoltori da tutto il mondo con la Carovana dei semi. La partecipazione di Vandana Shiva.

Promosso da Seed Freedom, Navdanya International, la Fierucola con il Patrocinio della Regione Toscana e di Banca Popolare Etica è un evento aperto a tutte le associazioni e istituzioni che lavorano sui semi, sul cibo e per la democrazia della terra. Presentato stamani il Festival vedrà la partecipazione di oltre 30 associazioni che insieme al mercato della Fierucola riempiranno P.zza SS. Annunziata di banchini ricchi di quelle varietà di semi che i brevetti e l’omologazione vorrebbero distruggere. Sarà possibile trovare le 60 varietà di patata e le oltre 30 di fagiolo che fino a non tanto tempo fa si coltivavano in Toscana. Ma anche semi provenienti da paesi di tutto il mondo grazie alla Carovana dei semi che partita dalla Grecia farà tappa a Firenze per poi proseguire il suo viaggio in Europa.
“Il Festival e la Carovana dei semi, che farà la prima tappa in Italia proprio a Firenze, sono anche un riconoscimento per l’attività che Navdanya International ha svolto e svolge in Toscana da anni, sottolinea la vice presidente dell’Associazione Maria Grazia Mammuccini, portando avanti anche in Italia la missione della sua organizzazione madre Navdanya fondata da lungo tempo in India da Vandana Shiva”. Per la realizzazione del Festival “è stata fondamentale la collaborazione conLa Fierucola e con l’Orto Botanico e della fitta Rete di Associazioni che hanno aderito”.
“La Regione Toscana ha sottoscritto con Navdanya International un protocollo per condividere alcune linee comuni d’azione che vanno proprio nella direzione della salvaguardia delle biodiversità, ha ricordato Carlo Chiostri dirigente della Regione. Sono oltre 700 le varietà locali, in gran parte vegetali, recuperate e immesse nel circuito della conservazione grazie all’attività della Banca Regionale del Germoplasma e ai circa 140 Coltivatori Custodi”.
Il Presidente del Museo di Storia Naturale, Guido Chelazzi, a cui l’Orto Botanico fa capo si è detto “onorato di ospitare un iniziativa del Festival con Vandana Shiva a cui ci lega un naturale interesse alla salvaguardia delle specie e alla biodiversità”. L’Orto riaprirà proprio in quei giorni dopo la pausa invernale con anche alcune ristrutturazioni che lo rendono più bello e interessante

La Carovana

Il 26 Aprile la comunità “Peliticelebra in Grecia una giornata di Scambio delle varietà locali di Semi. Il 27 Aprile la Carovana parte dalla Grecia e sarà a Firenze il 28 e 29 aprile; il 30 farà tappa a Genova per poi ripartire in direzione della Francia dove dal 1° al 4 maggio si terranno le Giornate Internazionali dei Semi a cura di Kokopelli. La carovana è organizzata grazie alla collaborazione delle associazioni Peliti (Grecia), Seed Freedon, Global Moviment, Navdanya International e Kokopelli (Francia).Partecipano agricoltori provenienti da Grecia, Spagna, Italia, Bulgaria, Stati Uniti, Germania, Portogallo, India e Germania.

La Promessa dei bambini

Il Festival si apre allOrto Botanico con la firma della Promessatra i bambini e ragazzi e Vandana Shiva, insieme agli agricoltori custodi. La consegna alle giovani generazioni dei semi da parte degli agricoltori è un gesto simbolico che richiama le più antiche tradizioni di condivisione dei saperi.

Piazza SS. Annunziata, nel cuore di Firenze, è la sede del Festival. Incontri, dibattiti, il mercato della Fierucola e della rete dei mercati contadini con la vendita e lo scambio di semi autoprodotti, laboratori, musica.

Un programma pensato per tutti, dai bambini ai produttori e organizzato in collaborazione con: Rete Semi Rurali; Donne in Campo; Museo di Storia Naturale, sezione Orto Botanico di Firenze; Community Garden con Orti Dipinti; Peliti; Associazione Italiana per l’Agricoltura Biodinamica; Coordinamento Toscano Produttori Biologici; Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica; Rete dei mercati contadini; Associazione Permacultura Firenze; AAM Terra Nuova; Biblioteca delle Oblate; Sportello Eco Equo con Orti Volanti, Forum Nazionale Agricoltura Sociale, Coop El Tamiso, Federbio,Coop La Terra e il Cielo con Carta di Arcevia, Seed Vicious aderente Grow the Planet, Arcoiris, Prof. Concetta Vazzana e Stefano Benedettelli, Adipa, Università di Firenze, Laboratorio Sismondi Università di Pisa altre in via di adesione. Saranno inoltre presenti esponenti di altre associazioni europee tra cui Demeter, Red de Semillas, Arche Noah, Open House e altre in via di adesione.Questa fitta rete di Associazioni è una componente fondamentale del Festival e costituisce il cuore dell’incontro che si terrà alle 14,30 a Palazzo Budini Gattai per approfondire e condividere strategie per il futuro e rafforzare il movimento per i Semi della Libertà, la libertà del cibo e La Democrazia della Terra.

Redazione Nove da Firenze