Ex Caserma Vittorio Veneto, SPC sta con Idra

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu (Sinistra Progetto Comune): “La cittadinanza non si arrende”


“Le cose stanno come stanno, non c'è motivo che stiano in altro modo. Così ci ha risposto la Giunta, durante il Consiglio comunale in cui abbiamo chiesto conto, con una domanda di attualità, delle richieste avanzate dall'associazione IDRA, per avere maggiori tempi per la presentazione di osservazioni alla trasformazione prevista per l'ex Caserma Vittorio Veneto.

Una parte della città – commentano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – che verrà sottratta alla cittadinanza, a favore di un resort esclusivo di lusso, mentre l'IRPET ci conferma che la società vedrà peggiorare le diseguaglianze e l'aumento della povertà.

La stessa associazione IDRA, sostenuta dalla cittadinanza residente e da altre realtà, come il laboratorio perUnaltracittà, ha oggi scritto a tutti i gruppi consiliari, per replicare alle posizioni del governo locale.

Sono persone che si informano e che vogliono poter contribuire al futuro del loro territorio. Meritano ascolto, confronto e di essere invitate alla partecipazione delle commissioni.

Visto che destre e Partito Democratico si trovano uniti nel non concedere proroghe alla partecipazione, nonostante la pandemia e nonostante qualsiasi scadenza sia stata spostata in queste settimane, che almeno si voglia concedere a chi lo chiede di vedere invitate le realtà attive sul tema nelle future discussioni urbanistiche, in relazione alle osservazioni che sono state comunque presentate, a dispetto dei tempi.

La Giunta ci ha anche invitato a effettuare una visita negli spazi di Costa San Giorgio. Estendere l'invito a queste persone non costa nulla – concludono Palagi e Bundu – e sarebbe segnale di intelligenza”.

Redazione Nove da Firenze