Elezioni regionali: la sinistra si mobilita a difesa dei piccoli ospedali

Domani, giovedì 10 settembre, alle 12:00 Potere al Popolo davanti a villa Basilewsky, in via Lorenzo Il Magnifico. Presidio a difesa dell'Ospedale di Pontremoli il 16 settembre


Firenze, 9 settembre- Giovedì 10 settembre i candidati e le candidate di Toscana a Sinistra si mobiliteranno per l'intera giornata in tutte le circoscrizioni con flash mob e volantinaggi davanti alle RSA e ai presidi ospedalieri per chiedere più sanità pubblica, territoriale e ospedaliera, più prevenzione, più personale, per annullare le liste d'attesa e per internalizzare i servizi finora esternalizzati.

"Il signor Enrico Rossi dice che il signor Fattori “attacca la sanità toscana”. No signor Rossi, io non attacco la sanità toscana, attacco le tue pessime controriforme che l’hanno indebolita e disorganizzata". Così Tommaso Fattori, candidato presidente della Regione per Toscana a Sinistra, replica a quanto scritto su Facebook dal governatore Enrico Rossi. "La sanità toscana regge grazie alla professionalità di chi ci lavora e grazie all’eredità del passato malgrado le scelte irresponsabili di Rossi come la creazione delle tre mega Asl, che hanno allontanato governo, decisione e programmazione dai territori condensando il potere al centro", ha spiegato Fattori. "Malgrado i definanziamenti degli ultimi decenni e la perdita di personale e posti letto. Malgrado il fatto che i presidi ospedalieri periferici siano stati gradualmente svuotati di funzioni. Malgrado l’impoverimento delle zone distretto. Malgrado il fatto che, grazie ad alti ticket e liste di attesa lunghissime, larghe fasce della popolazione siano state consapevolmente spinte verso la sanità privata e il privato sociale. Malgrado l’incapacità di investire davvero sulle cure primarie e la prevenzione territoriale, ossia sulla sanità d’iniziativa". "Il signor Rossi - conclude Fattori - si vanta di meriti che non ha. Proprio come Zaia che si attribuisce meriti che sono di Crisanti".

Nella mattina di martedì 8 settembre 2020 è stato consegnato un documento con tali richieste al nostro Candidato Presidente per il centrosinistra Eugenio Giani, in visita a Figline Incisa. Sinistra Civica Ecologista si batte non da oggi per il rafforzamento della medicina territoriale, ospedaliera e non. Le candidate Deanna Bargilli e Micol Tinelli e il candidato capolista Giacomo Trentanovi del Collegio Firenze 2 - che comprende anche il Valdarno fiorentino - chiedono il rafforzamento dell'ospedale con un progetto che lo qualifichi e ne dettagli le specificità, a partire dal rafforzamento del Pronto Soccorso e del reintegro di posti letto di Medicina generale, oltre alla diagnostica ed alle discipline specialistiche.

Il 16 settembre si terrà un presidio davanti all’ospedale di Pontremoli a cui sono invitati i candidati alla elezioni regionali, i consiglieri regionali e i deputati del territorio, alcuni dei quali hanno già confermato la loro presenza e che annunceremo ufficialmente nei prossimi giorni. Insieme a loro invitiamo anche, e soprattutto, i lavoratori, i cittadini, i comitati che si battono per la difesa del diritto alla salute e contro lo smantellamento del SSN. Il presidio farà parte della campagna che il Comitato di salute Pubblica dell’Alta Lunigiana ha lanciato a partire da questo agosto per la valorizzazione e la difesa dell’ospedale di Pontremoli.

Redazione Nove da Firenze