Elezioni amministrative il 10 giugno in 21 Comuni toscani

Ci sono anche tre capoluoghi: Pisa, Massa e Siena. Proseguono i confronti con i candidati a sindaco


Sono 21 i Comuni toscani che andranno al voto domenica 10 giugno, così come fissato dal Ministero dell'Interno. L'eventuale ballottaggio (per i Comuni oltre i 15 mila abitanti) si terrà il 24 giugno. Si tratta del 7,7 del totale dei Comuni della regione, che sono 274. Dei 21 Comuni toscani, 6 sono sopra i 15 mila abitanti (di cui 3 capoluoghi di provincia) e 21 sotto. Ecco la lista: Massa, Pisa, Siena (capoluoghi), Campi Bisenzio, Pescia, Pietrasanta (sopra i 15mila), Capolona, Caprese Michelangelo, Laterina Pergine (provincia di Arezzo) Impruneta, Marradi (provincia di Firenze), Gavorrano, Magliano in Toscana, Semproniano, Monte Argentario (provincia di Grosseto), Capraia, Rio (Elba, Livorno), Ponte Buggianese (Pistoia), Poggio a Caiano (Prato), Montecatini Val di Cecina, Santa Maria a Monte (Pisa). Saranno le prime elezioni per Laterina Pergine Valdarno e Rio, i due nuovi Comuni istituiti nel 2018 in Toscana dopo le fusioni.

La votazione si svolgerà nella sola giornata di DOMENICA 10 GIUGNO 2018 ed i seggi elettorali saranno aperti dalle ore 7 alle ore 23. Gli elettori dovranno presentarsi al seggio muniti di tessera elettorale e di valido documento di identità.

Ieri sera alle Officine Garibaldi di Pisa si è svolto il confronto tra candidati Sindaco organizzato dalla Associazione Amici del Gioco del Ponte nel quale si è dibattuto sul presente e sul futuro delle manifestazioni storiche pisane. Diverse le domande rivolte ai candidati, dal Gioco del Ponte alla Luminara, passando per il Capodanno pisano.

Proseguono a Siena gli incontri tra Coldiretti, realtà importante sul territorio e interlocutore quotidiano con le istituzioni per garantire la qualità del lavoro e dei prodotti - tutela dei consumatori in primis ma anche dell’economia locale - e i candidati a sindaco per le prossime amministrative. La campagna elettorale, alle battute finali, non può prescindere da un tema fondamentale come quello dell’agricoltura. così, nella sede provinciale di viale Europa, il direttore di Coldiretti Simone Solfanelli ha incontrato nei giorni scorsi Alessandro Pinciani, Luigi De Mossi. Ieri l’incontro è stato con Bruno Valentini, sostenuto dal PD e dalla lista civica In Campo. Nell’incontro di ieri sono stati affrontati e discussi tre temi fondamentali: le mense scolastiche, l’agroalimentare di qualità made in Siena e spazi adeguati per un mercato agricolo dei prodotti del territorio. Sulle mense scolastiche degli istituti gestiti dal Comune di Siena, è emersa la necessità condivisa di andare ad implementare sempre di più le forniture di prodotti locali biologici e a km zero, sviluppando relazioni più strette con le imprese agricole locali, non solo per quello che riguarda i prodotti agricoli, ma anche la cultura gastronomica legata ai valori e alle tradizioni del nostro territorio. Fondamentale nell’economia del territorio è il settore dell’agricoltura e dell’agroalimentare ed è per questo che il candidato Valentini ha parlato con il direttore Solfanelli di nuovi strumenti idonei per un rilancio forte e completo del settore che ha bisogno dei suoi modi e quindi anche dei suoi spazi per proporsi al meglio. Infine il mercato agricolo: Campagna Amica è già presente sulla città (l’appuntamento settimanale è in via Paolo Frajese, colonna San Marco) e sono sempre di più i consumatori che si affidano con fiducia ai prodotti e ai produttori del territorio. Dal confronto tra Solfanelli e Valentini è venuta l’idea di ampliare la possibilità di apertura del mercato agricolo collocandolo anche in spazi adeguati.

Redazione Nove da Firenze