Mobilitazione in Italia per Abdullah Öcalan: domani iniziativa all'SMS di Rifredi

Palagi e Bundu (SPC): "Insopportabile l'ipocrisia della politica e delle istituzioni che applaudono alla causa kurda e poi lasciano marcire in carcere un protagonista della loro resistenza"


Sabato 10 ottobre alla SMS di Rifredi in Via Vittorio Emanuele 303, iIn occasione della giornata internazionale per la liberazione di Abdullah Ocalan e di tutt* i progionier* politici in Turchiadalle ore 18.00 la Compagnia Teatrale “Attori e Convenuti”, composta da avvocati e giuristi fiorentini, presenta “Fame di libertà” – reading dedicato alla storia di Ebru Timtik e Nasrin Sotoudeh, avvocatesse che attraverso lo sciopero della fame hanno scelto di fare delle proprie vite uno strumento di libertà. Dalle 19.00 interventi e dibattito con: un avvocato del collegio difensivo di Ocalan, un avvocato dell’ordine avvocati di Firenze, Erdal Karabey portavoce della comunità kurda toscana.

L'iniziativa sarà aperta dal reading intitolato "Fame di libertà" dedicato alle lettere dal carcere di Ebru Timtik e di Nasrin Sotoudeh, avvocatessa iraniana condannata a oltre 30 anni di carcere e 148 colpi di frusta per le sue critiche al governo di Teheran e attualmente in condizioni critiche a seguito di sciopero della fame per protestare contro il rifiuto del regime di rilasciare i prigionieri politici durante la pandemia.

"Abdullah Öcalan è tra le persone che hanno fondato il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), guidando la lotta per i diritti della popolazione curda per moltissimi anni. Da ormai oltre 20 anni è detenuto per volontà della Turchia, in isolamento. Per più di 10 anni è stato l'unico prigioniero nell'isola che lo ospita -dichiarano Dmitrij Palagi e Antonella Bundu di Sinistra Progetto Comune- Sarebbe terrorista. Anche per chi si permette, dalle comode istituzioni europee, di giudicare chi dedica la sua vita alla causa della libertà e della solidarietà. Come ha fatto il nostro Partigiano di Rifredi, Lorenzo Orsetti, i cui genitori saranno domani all'SMS di Rifredi, alle 18, per l'appuntamento organizzato nella nostra città in occasione della giornata di mobilitazione nazionale per chiederà la libertà di Öcala. Uno spettacolo teatrale ricorderà le avvocate che sono incarcerate e protestano con un estenuante sciopero della fame. Come Sinistra Progetto Comune parteciperemo. Ringraziamo la Comunità kurda e il Coordinamento Toscana per il Kurdistan per aver permesso a Firenze di rispondere all'appello nazionale di Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia e della Rete Kurdistan Italia. Da giugno attendiamo che le commissioni consiliari possano discutere il nostro atto in Sostegno al Partito democratico dei Popoli (HDP), sotto inaccettabile e illegale repressione da parte del Governo della Turchia. Confidiamo che Firenze possa confermarsi città attenta alla pace e alla solidarietà tra i popoli. Non mancheremo di provare a ricordare a Palazzo Vecchio da che parte della storia deve stare. Da quella di cui fa parte Abdullah Öcalan".

Redazione Nove da Firenze