Domani, giornata medievale

A San Godenzo la Lectura Dantis, la Cena Medievale, il Corteo Storico. A Radicofani giochi di ruolo. Corsignano ricorda la cacciata dei Salimbeni


Una festa per non dimenticare il passaggio da San Godenzo del “Sommo Poeta”. Si svolgerà domani, 6 luglio, il “Dante Ghibellino”, tradizionale evento estivo di San Godenzo dove storia, cultura e divertimento si fondono insieme. “Abbiamo deciso – spiega il Sindaco di San Godenzo Alessandro Manni - che quest’anno il ‘Dante’ si svolgerà in un’unica giornata a causa di una serie di problemi logistici, come ad esempio, i lavori di ristrutturazione al circolo parrocchiale, che non ci permettono di utilizzare la piazzetta adiacente per la cena medievale. Oltre a questo, lo svolgimento delle partite del mondiale di calcio, avrebbero, probabilmente, portato un minore afflusso di visitatori. Abbiamo così deciso di concentrare tutto in un’unica giornata che sarà piena e ricca di occasioni per tutti. L’anno prossimo il nostro obiettivo sarà quello di rilanciare il ‘Dante Ghibellino’, la nostra intenzione è di coinvolgere anche le città Dantesche di Firenze e Ravenna, visto che San Godenzo sta a metà strada tra Toscana e Romagna”. Tornando all’edizione di quest’anno la giornata prenderà il via alle 12 con la musica del gruppo Tamburini di San Godenzo, dalle 12,30 si potrà pranzare alla “Locanda del Ghibellino”. Nel pomeriggio a partire dalle 15,30 per i più piccoli ci sarà l’animazione con “Mauro Mediot”. Alle 17 prenderà il via la “Lectura Dantis”, che terminerà alle 18 con l’esibizione del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina ed i Giullari dell’Allegra Brigata di Pian di Scò. A partire dalle 19, poi, ci sarà la tradizionale Cena Medievale sotto il Loggiato Dantesco. Subito dopo la cena partirà un nutritissimo corto storico al quale parteciperanno i gruppi storici: “Dante Ghibellino” di San Godenzo, “Sant’Onofrio” di Dicomano, “Del Vino e del Contado” di Rufina, “Castel Sant’Angelo” di Pontassieve e “Margliana” di Pistoia. Si esibiranno inoltre i gruppi “La Manada del Fuego”, Pier Ugo dei “Giullari Fiorentini”, da non perdere anche lo spettacolo dei falconieri. Al termine della serata sarà consegnato il premio Dante Ghibellino 2014 che quest’anno andrà alla Scuola “Senza Zaino” di San Godenzo, per le tante soddisfazioni che questa sta dando all’amministrazione e alle famiglie del territorio.



Questa è una giornata tutta dedicata al Medioevo, a Contignano e Radicofani. Nella famosa fortezza che fu occupata da Ghino di Tacco, durante la visita, ci si imbatte in personaggi fantasy come orchi, elfi e soldati, con giochi di ruolo dal vivo, per l’intera giornata. A Contignano, invece, si ricorda l’anniversario della cacciata dei feudatari Salimbeni, avvenuta il 7 luglio del 1409. Da allora il borgo rimase libero comune fino alla seconda metà del 1700, all’epoca delle riforme di Pietro Leopoldo di Asburgo Lorena. Si tratta di una data troppo importante per non essere rievocata in grande stile, con una festa che si svolge su due giorni. Oggi è prevista proprio la rievocazione della cacciata dei Salimbeni. Si tratta della sfilata delle tre contrade di Contignano che chi si sfideranno in una gara di tiro con l'arco.In serata viene proposta un cena medievale e uno spettacolo pirotecnico dentro le mura castellane. Il costo è di 22 euro per il menù completo, che viene illustrato da un araldo, mentre i menestrelli allietano i commensali. Gradita la prenotazione, al numero 057852062.

Redazione Nove da Firenze