Covid-19, Misericordie in aiuto della Lombardia: partite 8 ambulanze, 6 sono toscane

La Confederazione Nazionale ha chiesto alle proprie affiliate di vincere la paura che spinge tutti naturalmente all’interno del proprio territorio e di riscoprire il senso di appartenenza al “movimento”


Le Sorelle e i Fratelli della Lombardia, che da oltre un mese combattono senza risparmiarsi contro un nemico invisibile e terribilmente pericoloso, hanno lanciato un grido di aiuto e il “movimento” ha immediatamente risposto. È stata attivata una “missione di supporto” per aiutare le Misericordie della Lombardia che stanno facendo uno sforzo sovrumano per affrontare il picco dei contagi da Covid-19. Si tratta di ben 8 ambulanze con relativi equipaggi attrezzati in partenza da Osimo (Ancona), Fiumara (Genova), Montale (Pistoia), San Giovanni Valdarno (Arezzo) Firenze, Fucecchio (Firenze), Vaglia (Firenze), Livorno.

Le Misericordie presenti nel resto d’Italia si sono attivate immediatamente subito dopo aver recepito l’appello della Confederazione Nazionale rivolgendosi alla Sala Situazione Nazionale, che nel frattempo aveva già iniziato una ‘ricognizione telefonica’ per comprendere le disponibilità.

Grazie a questo sforzo del “movimento” è stata composta ed attivata la “missione di supporto” di ben 8 mezzi che saranno a disposizione di AREU (azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia). La durata della missione sarà di 5 giorni, si tratta di ambulanze BLSD con un equipaggio di 2 componenti ciascuna. Oltre a questo un pool di Fratelli della Misericordia di Fiumicino sarà disposizione della Croce Bianca di Milano.

La Confederazione Nazionale delle Misericordie ha chiesto alle proprie affiliate di vincere la paura che spinge tutti naturalmente all’interno del proprio territorio e di riscoprire il senso di appartenenza al “movimento”. Questo ha risposto in modo splendido e le Sorelle e i Fratelli Lombardi non saranno più soli ad affrontare questa emergenza.

Redazione Nove da Firenze