Coronavirus: paziente di Pescia clinicamente guarito

Ma resta ancora in ospedale. Primo caso sospetto positivo in Versilia


Il paziente di Pescia ricoverato all'ospedale di Pistoia, primo caso toscano di Coronavirus, è clinicamente guarito. Da 24 ore non presenta febbre né sintomi respiratori, ma per accertare la sua completa negativizzazione sarà necessario ripetere più vote il tampone. Per ora dunque il paziente resta ricoverato all'ospedale di Pistoia, le sue dimissioni potrebbero avvenire già domani. In Toscana sono 863 le persone in isolamento domiciliare: 304 prese in carico attraverso il numero dedicato delle Asl; 193 contatti stretti dei casi positivi probabili o confermati, 366 bambini/studenti e loro familiari.

Primo caso sospetto positivo, in attesa di validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità, di Coronavirus “Covid-19” sul territorio dell’Asl Toscana nord ovest. Si tratta di un uomo di 44 anni, che risiede a Torre del Lago e lavora a Vo Euganeo (comune del Veneto che fa parte delle zone a rischio), in un birrificio, ora chiuso a seguito delle misure prese dalla Regione Veneto. Vive da solo, ha passato il fine settimana con il figlio, adesso in isolamento domiciliare fiduciario. L'uomo ha avuto i primi sintomi lunedì, poi con l'arrivo della febbre alta ha avvisato la Asl Toscana nord ovest, che gli ha fatto il tampone a domicilio, risultato positivo. L'uomo è in isolamento domiciliare fiduciario. È in buone condizioni di salute, la temperatura è tornata nella norma e non c'è necessità di ricovero. Sono comunque in corso accurate indagini epidemiologiche su eventuali altri contatti.

Redazione Nove da Firenze