Coronavirus: 175 nuovi casi e 18 decessi, 5.847 contagi dall’inizio

Oggi 3.120 tamponi. Contagiata un'operatrice sanitaria di una struttura ospedaliera di Firenze. La Regione Toscana distribuirà le mascherine ai Comuni e farà un'ordinanza sull'obbligo di indossarle


Sul territorio nazionale, al momento 91.246 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 128.948 i casi totali. Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 28.124 in Lombardia, 12.837 in Emilia-Romagna, 10.177 in Piemonte, 9.409 in Veneto, 5.185 in Toscana, 3.578 nelle Marche, 3.186 nel Lazio, 3.093 in Liguria, 2.621 in Campania, 2.022 in Puglia, 1.774 in Sicilia, 1.795 nella Provincia autonoma di Trento, 1.363 in Friuli Venezia Giulia, 1.420 in Abruzzo, 1.226 nella Provincia autonoma di Bolzano, 898 in Umbria, 815 in Sardegna, 706 in Calabria, 576 in Valle d'Aosta, 254 in Basilicata e 187 in Molise. Sono 21.815 le persone guarite. I deceduti sono 15.887.

Sono 175 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino, analizzati nei laboratori toscani; e 18 i nuovi decessi. Rimane pressoché stazionario il trend dei nuovi casi positivi e dei decessi rispetto a ieri. Continua, invece a diminuire di 28 unità il numero dei ricoveri complessivi rispetto a ieri; nelle terapie intensive si registra una diminuzione di 10 unità. Continuano ad aumentare, rispetto a ieri, i pazienti clinicamente guariti +13 (da 223 a 236), e anche quelle virali +14 (da 87 a 101). Ad oggi sono dunque 5.847 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 101 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti "negativizzati", risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 236 le guarigioni cliniche (senza più sintomi, ma non ancora negativizzati) e 325 i decessi. I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 5.185. Premettendo che spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus (nella quasi totalità dei casi, si tratta di persone che avevano patologie concomitanti), il decesso di un uomo di 72 anni di Lucca, comunicato ieri, è risultato nella giornata stessa di ieri non attribuile al Coronavirus.

Questi i 18 decessi registrati in Toscana nelle ultime 24 ore, che vanno ad aggiungersi ai 307 registrati fino a ieri, per un totale di 325 decessi dall’inizio dell’epidemia. Con l’indicazione di sesso, età, comune di domicilio: F. 98, Pontedera; F. 82, Pontedera; F. 61, Massa; M. 64, Seravezza; M. 68 Viareggio; M. 68, Licciana Nardi; M. 78, Pisa; F. 88, Pietrasanta; F. 91, Capannori; M. 79, Gallicano; F. 84, Livorno; M. 77 San Miniato; M. 92, Pistoia; M.81, Pistoia; M. 72 Pistoia; F. 82, Firenze; M. 64, Sesto Fiorentino; M. 92, Grosseto. Per quanto riguarda i ricoveri, a oggi sono in totale 1.387 (ieri erano 1.415), di cui 276 in terapia intensiva.

Questi i numeri che fotografano la situazione toscana a domenica 5 aprile, così come sono stati trasmessi dall’assessorato al diritto alla salute al Ministero della salute, e come verranno comunicati dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli. Di 5.847 tamponi fino ad oggi risultati positivi al test, questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 1.715 Firenze, 394 Pistoia, 338 Prato (totale Asl centro: 2.447), 872 Lucca, 667 Massa-Carrara, 544 Pisa, 322 Livorno (totale Asl nord ovest: 2.405), 277 Grosseto, 340 Siena, 378 Arezzo (totale sud est: 995).

E’ arrivata oggi, al Sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti la conferma da parte dell’Azienda Sanitaria Toscana Centro - Zona Mugello dell’accertamento, tramite tampone, di un nuovo caso di persona affetta da Covid-19. La notizia era già circolata ieri sulla stampa, ma la conferma ufficiale al Comune è arrivata dalla ASL soltanto oggi. E’ una giovane donna di anni 41 residente nel Comune di Scarperia e San Piero ed è un operatore sanitario presso una struttura ospedaliera di Firenze. La signora ha alcuni lievi sintomi della malattia e non ha bisogno di cure ospedaliere. E’ in quarantena presso la propria abitazione insieme ai suoi familiari anch’essi in isolamento presso il loro domicilio. La Asl anche in questo caso sta attuando il protocollo che prevede di rintracciare le persone, oltre ai familiari, che sono state a stretto contatto con la signora e avviare le procedure della messa in quarantena.

Alla notizia del nuovo contagio il Sindaco ha dichiarato che “occorre non abbassare la guardia, l’emergenza non è ancora finita. La nostra zona ha avuto finora pochi casi di malati ma il virus gira anche da noi e può capitare a chiunque. Gli operatori sanitari sono i più esposti al rischio di contagio e la morte del Dott. Giandomenico Iannucci ha colpito profondamente tutta la popolazione. A tutto il personale sanitario vanno i più sentiti ringraziamenti della nostra comunità per tutto quello che riescono a fare. Alla signora i più sinceri auguri di pronta guarigione e ai cittadini l’invito, ancora una volta, a rispettare tutte le regole e a restare in casa per fermare la diffusione del contagio”.

Dal 1° febbraio ad oggi nei laboratori toscani sono stati effettuati in tutto 51.006 tamponi, su 44.178 persone (in alcuni casi sono stati effettuati più test per lo stesso paziente). Solo nelle ultime 24 ore, sono stati fatti 3.120 tamponi. Questo aumento si deve al fatto che il numero di laboratori impegnati nel processare i tamponi è ancora salito. Attualmente i laboratori sono 13: ai tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliero universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti, infatti, altri 10: Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica, i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno, Lucca e 2 a Massa (Asl nord ovest), Prato (Asl centro), Meyer, più un laboratorio privato. Dal monitoraggio giornaliero sono invece 15.306 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 7.343 nella Asl centro, 6.555 nella Asl nord ovest, 1.408 nella Asl sud est.

Redazione Nove da Firenze