Rubrica — L'Amministratore Risponde

Condominio con 94 famiglie lasciato senz’acqua

Confartamministratori: “Inaudito interrompere il servizio senza alcun preavviso, creando gravi difficoltà ai residenti. Pronti al confronto con Publiacqua”


“Un condominio con ben 94 famiglie in via Pisana si trova senza acqua ormai da due giorni, perché Publiacqua ha deciso senza alcun preavviso di interrompere il servizio, a seguito di un mancato pagamento da parte di alcuni inquilini. Nessuno ha avvertito della prevista interruzione e per sole 1000 euro si sono messe in difficoltà tutte queste famiglie, costringendole a fare a meno di un bene essenziale e ad affrontare evidenti e prevedibili disagi. Per altro abbiamo subito provveduto a saldare il conto, ma ci hanno detto che per sbrigare la pratica ci sarebbero volute diverse ore, aggravando così di fatto la situazione. E non c’è stato modo di aprire un canale di comunicazione che consentisse la soluzione del problema in modo tempestivo”.

Un episodio tutt’altro che isolato, quello raccontato dal vicepresidente di Confartamministratori Marco Innocenti, che parla di “una procedura da parte di Publiacqua che sta diventando purtroppo abituale. Non è certo la prima volta che capita. Sempre a Firenze solo pochi giorni fa è avvenuto un altro episodio del genere. E’ inaccettabile che prima di interrompere l’erogazione dell’acqua non si provveda ad avviare un confronto per individuare di concerto soluzioni alternative al problema. Come Confartamministratori chiediamo a Publiacqua l’immediata istituzione di uno sportello per le grandi utenze, com’è un palazzo con quasi 100 appartamenti, e un tavolo di concertazione, la nostra associazione è pronta a rappresentare i nostri condomini per evitare che queste situazioni debbano ripetersi e che per un solo utente si debbano mettere in difficoltà tutte le altre famiglie”.

Redazione Nove da Firenze