Con lo scooter contro il guard rail: 53enne all'ospedale in codice rosso

Incidente alle 13,30: ha perso il controllo curvando a destra. Bus entra in zona vietata: multa. Sequestrati veicoli senza assicurazione


Ha perso il controllo del ciclomotore sbattendo sul guard rail e finendo a terra. L'incidente è avvenuto oggi alle 13.30 in via Lanzi. Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia Municipale del Reparto Infortunistica Stradale. Il conducente, un uomo di 53 anni residente a Firenze, stava procedendo verso Sesto Fiorentino quando a metà di via Luzi, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo del veicolo curvando a destra sbattendo violentemente contro il guard rail. Il 53enne è stato portato in ospedale in codice rosso. La dinamica è al vaglio della Polizia Municipale.

Vigili all'opera anche in centro. Ha accompagnato una comitiva in un albergo in centro storico utilizzando un percorso non consentito. Ma è stato notato dalla Polizia Municipale che l'ha multato. È successo oggi intorno alle.15.30. Una pattuglia della Zona Centrale ha visto un bus con targa straniera in via Calimala mentre stava cercando con difficoltà a uscire dal centro storico. Gli agenti hanno effettuato un controllo scoprendo che, sulla base dell'ordinanza "antitorpedone", il bus non avrebbe potuto arrivare all'albergo. Per l'autista è scattato un verbale da 400 euro che ha saldato immediatamente per evitare il sequestro del mezzo. Il pullman è stato poi scortato fuori dal centro dalla Polizia Municipale.

Infine, due veicoli sequestrati dalla Polizia Municipale perché scoperti senza assicurazione e in circolazione nonostante fossero sotto sequestro. È successo nei giorni scorsi nel corso di normali controlli sui veicoli effettuati dagli agenti del distaccamento Fortezza in viale Belfiore e in viale Fratelli Rosselli. Nel primo caso si trattava di un motociclo che, dai controlli, è risultato privo di copertura assicurativa e già sottoposto a sequestro dai Carabinieri a giugno, sempre per la mancanza dell’assicurazione. Il secondo caso ha riguardato un ciclomotore: anche in questo caso recidivo per la mancanza di assicurazione e per circolazione nonostante il sequestro di maggio da parte della Polizia di Stato. Le sanzioni per queste violazioni sono rispettivamente 868 euro con taglio di cinque punti sulla patente e sequestro a carico dei conducenti e 1.988 euro a carico dei proprietari dei mezzi. Ma i guai per gli scooteristi non sono finiti: il primo è risultato privo di patente perché mai conseguita (sanzione da 5.110 euro e fermo per tre mesi del motociclo), il secondo ha mostrato agli agenti una patente straniera valida ma essendo residente in Italia da più di un anno per lui è scattato un verbale da 158 euro (con ritiro della licenza di guida).

Redazione Nove da Firenze